Agnelli Tipiesse cade in casa dopo 20 mesi

Eugenio Sorrentino |

L’ultima sconfitta casalinga di Agnelli Tipiesse in Regular Season era datata 21 marzo 2021. Ne è arrivata una dopo venti mesi, sul filo di lana. E qualche immancabile rammarico. Il match al Pala Intred con Santa Croce si è risolto al tie-break, ma forse decisivo è stato il calo nel finale della terza frazione. Ha pesato certamente l’assenza contemporanea in campo rossoblù di Cominetti e Jovanovic, ma anche la voglia dei toscani di interrompere la serie negativa in campo esterno. Dopo avere rimontato l’esito di un primo set in cui la squadra rossoblù ha fatto fatica a ritrovarsi, la terza frazione è stata persa ai vantaggi dopo avere condotto e dato l’impressione di poterla vincere, quantunque con una percentuale in ricezione (17%) decisamente bassa. Il roster di Graziosi si è ritrovato nel quarto set e ha guadagnato il tie-break. I lupi toscani sono rimasti concentrati e hanno guadagnato un margine di quattro punti, solo tre dei quali rosicchiati dai rossoblù. Solo un punto in cassaforte, che serve ad affiancare al comando della classifica, a quota 17, Vibo Valentia, fermata dal Covid come pure Castellana Grotte a quota 16. Nelle due ore e tre quarti di gioco, Padura Diaz conclude con 28 punti. Sul fronte toscano ne ha fatti 20 Mathaes Motzo, MVP.

La cronaca

Agnelli Tipiesse che affronta Santa Croce deve fare a meno di Jovanovic, assente per problemi fisici, e Cominetti, per i postumi dell’influenza che lo ha colpito in settimana. Graziosi schiera Catone in regia, Padura Diaz opposto, Cargioli e Copelli al centro, Mazzon ed Held in posto 4 e Toscani libero. Nelle file toscane esordio del palleggiatore Coscione, che ha lasciato Ravenna per le rive dell’Arno.

Qualche imprecisione a muro e in ricezione avvantaggia i toscani (2-5). La piega iniziale non si modifica e sul 4-8 Graziosi chiama timeout. I rossoblù vanno puntualmente a segno ma continuano a pagare dazio agli attacchi di Santa Croce riuscendo a dimezzare le lunghezze sotto l’impeto di Padura Diaz (10-12) prima di essere ricacciati a -4 (11-15). Sul 15-19, un attacco di Mazzon e un errore in palleggio dei toscani valgono il -2. Poi sul 18-20, Padura Diaz caccia in rete la palla del -1. Held la mette proditoriamente a terra e Mazzon inventa l’ace per il 20-21. Dopo il timeout di Santa Croce, muro out di Mazzon che poi attacca appoggiando fuori la palla (20-23). Graziosi si appella all’ultima chiamata, quindi l’attacco di Held finisce lungo concedendo quattro set point ai toscani. Il loro muro vincente su attacco di Padura Diaz chiude i giochi del primo set (20-25), con percentuali d’attacco eloquenti (61 a 41) a favore dei toscani.

Nella seconda frazione si viaggia all’insegna dell’equilibrio fino al 6 pari, quando Bergamo spezza l’alternanza piazzando due attacchi con in mezzo un muro. Sul 9-6 timeout dei toscani, ma alla ripresa i rossoblù vanno a +5, margine che si riduce a -2 (17-15) quando sono gli errori a fare la differenza e favorire il riavvicinamento. Tentativo di rimonta che i toscani vanificati con battuta in rete e una successiva invasione. A sua volta Bergamo subisce un attacco e un muro vincenti di Santa Croce. Sul 22-19 un banale errore del palleggiatore toscano riporta Agnelli Tipiesse a +4. Il timeout ricarica i toscani che dimezzano lo svantaggio, costringendo Graziosi a interrompere a sua volta il gioco. Poi Padura Diaz guadagna il mani out del muro toscano e tre set point per Bergamo, che sfrutta il secondo utile con il muro di Cargioli (25-22).

Il terzo set segue lo stesso andamento, ma è Santa Croce a spezzare l’equilibrio portandosi sul 6-10. Bergamo reagisce con gli attacchi vincenti di Held e Mazzon. Gli scambi si fanno combattuti, ma Agnelli Tipiesse passa anche con i suoi centrali, finché Copelli mette palla a terra e Padura Diaz segna una battuta vincente per il 12 pari. Dopo il timeout della panchina toscana, il muro di Copelli riporta avanti Bergamo che va a +2 con un attacco fuori di Santa Croce. La fase di attacco positiva consente di conservare il margine. Mal gestito il gioco sul 21-19, che riporta i toscani a -1, quando Mazzon si fa murare, è ancora Padura Diaz a dare la scossa (22-21) e poi a firmare il 24-23. Santa Croce annulla il set point, che Cargioli riguadagna. Lunga la successiva battuta di Held, poi un errore di valutazione di Mazzon e una ricezione imperfetta consegnano il terzo set a Santa Croce (25-27).

Veemente la reazione di Agnelli Tipiesse che, subito lo smacco, parte con il piede giusto (5-1). Facendo funzionare attacco e muro, in perfetta alternanza di punti, si arriva al 13-9, prima di allungare 17-11 sotto i colpi di Padura Diaz e Tim Held. Santa Croce prova a riavvicinarsi (18-15), Agnelli Tipiesse non molla e si porta sul 22-17. Cargioli guadagna cinque set point (24-19), Held porta Bergamo al tie-break (25-20). 

A spostare gli equilibri nella frazione decisiva un doppio attacco vincente di Padura Diaz che valgono il 5-3. Pronta la reazione dei toscani che ribaltano 6-7. Dopo il timeout chiamato da Graziosi, agli attacchi dei toscani risponde Padura Diaz, che per tre volte riporta Bergamo a -1. Sul 9-10, finisce in rete la battuta di Held finisce in rete. Poi un contrasto a rete di Catone è oggetto di videocheck che dà ragione a Santa Croce per il 9-12. Il timeout di Graziosi è l’ultima iniezione psicologica, che Padura Diaz trasforma subito in punto. Il muro out attacco dei toscani rimette Bergamo a -3. La successiva ricezione imperfetta di Mazzon porta Santa Croca al match point (10-14). Un attacco fuori dei toscani, il muro di Copelli e un attacco vincente di Mazzon allungano la contesa. Una volta a -1, Santa Croce piazza l’attacco decisivo e fa suo il match (15-13).

Copelli osserva una ricezione del libero Toscani (credits: ufficio stampa Agnelli Tipiesse – Ph: Giuliani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Carlo Parisi nuovo coach Volley Bergamo 1991

Redazione |
17 Aprile 2024
Il Volley Bergamo 1991 ha ufficializzato l’arrivo di Carlo Parisi, nuovo coach. Il suo palmares è di tutto rispetto. Uno Scudetto, una Coppa Italia...

Carlo Parisi in pole per la panchina di VBG91

Michele Ferruggia |
16 Aprile 2024
Sulla panchina de Il Bisonte Firenze ha chiuso la regular season al decimo posto, contribuendo alla salvezza di Volley Bergamo 1991 con la vittoria...

CBL resta in A2 con il titolo sportivo di Cuneo...

Federico Errante |
16 Aprile 2024
La notizia, già nell’aria da tempo, ha assunto i crismi dell’ufficialità. Pur retrocessa sul campo, la Cbl resta in serie A2. Il club d...