Arbitri e fattore umano

Eugenio Sorrentino |

Gli arbitri di calcio hanno imparato a essere richiamati dal Var se qualcosa sfugge ai loro occhi, vuoi perché coperti nell’istante di un episodio meritevole di valutazione, soprattutto in area di rigore, vuoi per collimare le immagini in occasione di una possibile posizione di fuorigioco. Tuttavia, con la tecnologia che pure non assopisce le controversie, l’arbitro continua ad avere spazio per … arbitrare nel senso più tradizionale. E quando capita che fischi un fallo evidente, ignorando, per usare un gerundio caro a molti commentatori, la norma del vantaggio (che resta un’applicazione discrezionale), può succedere che lo stesso arbitro si scusi e lo faccia consapevolmente, facendo prevalere quello stesso fattore umano che più indurre in errore un calciatore. In più c’è l’imprevedibilità, sempre un agguato, che rende il calcio palcoscenico di emozioni e colpi di scena. Si parlerà a lungo del fischio improvvido, ma umano, del giovane arbitro di Milan-Siena, che ha interrotto lo sviluppo dell’azione proseguita e conclusa con la rete di Messias, a gioco fermo. Hanno capito tutti quanto era successo, arbitro e giocatori giunti finanche a consolarlo. Davvero inspiegabile le scuse prodotte dall’AIA, che ha recato un danno d’immagine alla categoria arbitrale. Decisamente signorile e obiettivo il mister rossonero Stefano Pioli, il quale non ha accampato alibi e attribuito la beffa subìta al 96’ dallo Spezia a un concorso di colpe tra i protagonisti in campo. Poteva diventare episodio eclatante in Atalanta-Inter il fallo su Muriel, non rilevato o giudicato tale, che ha fatto arrivare il pallone a Sanchez, sulla cui conclusione Musso si è superato allontanando anche le contestazioni che ne sarebbero seguite.

Ingresso in campo di arbitro e assistenti in una foto d’archivio (credits: Alberto Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Re Federer lascia, viva il re

Eugenio Sorrentino |
15 Settembre 2022
“Chiedi chi erano i Beatles” cantavano gli Stadio quando Roger Federer aveva poco più di tre anni. Verrà un giorno in cui gli amanti del tennis non...

La lezione di Marcell Jacobs

Eugenio Sorrentino |
17 Agosto 2022
Molto spesso le critiche ai grandi campioni dello sport arrivano da chi, poco addentro ai fatti, pretende di saperne, arrogandosi il diritto di sen...

Il grande esempio di Giacinto Facchetti

Eugenio Sorrentino |
18 Luglio 2022
Il 18 luglio 1942 nasceva, a Treviglio, Giacinto Facchetti, in assoluto una bandiera dell’Inter diventata grande con Helenio Herrera e con la quale...