Atalanta 6 perle di corallo

Eugenio Sorrentino |

La partita che non doveva disputarsi si trasforma nel nuovo successo esterno dell’Atalanta, che apre così nel migliore dei modi il 2022. Il risultato, che sembrava messo in cassaforte con tre gol a fine primo tempo, è stato riaperto dall’Udinese a inizio nella ripresa, prima che l’Atalanta arrotondasse il successo nel finale, chiudendo con un punteggio tennistico. Nello score due gol d’autore di Muriel, il primo assoluto di Maehle e quello di stagione di Pessina, oltre a Pasalic che ha aperto le marcature e a Malinovskyi. I friulani sono scesi in campo con giocatori della prima squadra, nonostante le numerose defezioni per positività al Covid. Anche la squadra di Gasperini ha dovuto rinunciare a Zappacosta, Sportiello e Piccoli, oltre agli infortunati Zapata e Gosens e allo squalificato Freuler.

Il commento di Federica Sorrentino

La cronaca

Gasperini schiera l’ex udinese Musso tra i pali, in difesa Toloi, Palomino e Djimsiti; mediana tutta olandese con De Roon e Koopmeiners, sulle fasce Maehle e Pezzella. In avanti Pasalic alle spalle di Malinovskyi e Muriel. Nonostante le numerose assenze per positività al Covid, l’Udinese riesce a scendere in campo con un undici valido. L’allenatore dei friulani Cioffi recupera Beto, autore del gol del pareggio nel finale della gara di andata al Gewiss Stadium, e gli affianca Deulofeu nel 3-5-2, disegnando la linea di centrocampo con Perez avanzato dalla difesa, Molina, Walace, Udogie e Pussetto adattato sulla fascia. Davanti al portiere Padelli, sostituto del titolare Silvestri, giocano Becao, De Maio e Nuytinck.

Primo lampo offensivo dopo 4’ ad opera di Muriel che in area si libera per il tiro angolando troppo. Udinese attendista e impegnata a chiudere gli spazi, con Pussetto e Deulofeu che si abbassano sugli esterni per dare consistenza alla fase di contenimento. L’Atalanta si riaffaccia in attacco con un doppio scambio tra Toloi e Pasalic, la cui conclusione viene deviata dal corpo di un difensore. Sull’azione da corner, tocco a rete di Toloi ancora deviato con pallone che lambisce il palo. Il vantaggio matura al 17’ con un colpo di testa a centro area di Pasalic che raccoglie il cross di Pezzella e svetta indirizzando con una parabola nell’angolo alla sinistra di Padelli. Subito dopo l’Udinese rischia ancora su affondo di Maehle. Al 22’ Muriel, ex dell’Udinese, firma un gol d’autore, prendendo palla a centrocampo e avanzando con una serie di finte che disorientano i difensori friulani fino a piazzare di precisione il pallone alle spalle di Padelli. Decimo gol da ex per l’attaccante colombiano. L’Atalanta allenta un po’ la pressione e l’Udinese si sveglia al 35’ con Deulofeu che chiama in causa Musso, pronto a respingerne il tiro. Tre minuti dopo un colpo di testa di Udogue alto sulla traversa. Segnali che fanno preoccupare Gasperini, il quale richiama ripetutamente i suoi a una maggiore attenzione. Al 41’ Musso para senza difficoltà un tiro di Pussetto. La successiva ripartenza dell’Atalanta vale il terzo gol, firmato da Malinovskyi che raccoglie il pallone respinto su conclusione di Pezzella. Un calcio di punizione di Deulofeu parato da Musso chiude la cronaca del primo tempo.

Alla ripresa del gioco, Gasperini avvicenda De Roon, ammonito, con Pessina. Deulofeu, subito in evidenza, costringe Musso a riparare in angolo. L’Atalanta continua a proporsi, ma al14’ lascia spazio all’Udinese che accorcia le distanze con un tiro dalla distanza di Molina deviato con il tacco da Djimsiti alle spalle dell’incolpevole Musso. Subito il gol, l’Atalanta si ricompatta e quando si ripresenta sotto porta con Pasalic, c’è Becao pronto a impedirne la conclusione. La squadra di Gasperini costruisce ma spreca le opportunità di finalizzare. Al 26’ tiro di Muriel rintuzzato in angolo da Nuytinck. Al 28’ Gasperini manda in campo Miranchuk e Hateboer per Pasalic e Pezzella, con Maehle che si sposta sulla fascia sinistra. Nell’Udinese, dopo l’’ingresso di Soppy per Udogie, Success subentra a Pussetto. Al 31’, su lancio in profondità di Miranchuk, Muriel fa doppietta eludendo De Maio e insaccando con un rasoterra che incoccia il palo interno e gonfia la rete. Il colombiano lascia poi il posto a Ilicic. L’Udinese reagisce d’orgoglio e impegna Musso con Beto. Poi Pessina sfiora il primo gol personale in questo campionato con un rasoterra che lambisce il palo. Al 39’ Hateboer non arriva a deviare il cross basso di Toloi. Poi Malinovskyi di testa non inquadra la porta su un pallone calciato da Ilicic, quindi Padelli si oppone a Maehle. Dopo i gol falliti, sul fronte opposto Beto si inserisce in area e accorcia ancora a 2’ dalla fine. A ristabilire le distanze ci pensa Maehle che un minuto dopo raccoglie un cross basso di Hateboer e firma il primo gol con la maglia dell’Atalanta. A chiudere i conti ci pensa Pessina che segna a sua volta in primo gol in serie A di questa stagione.

UDINESE-ATALANTA 2-6

UDINESE (3-5-2): Padelli 5 Becao 5.5 De Maio 5 Nuytinck 5 Perez 5 Molina 5 Walace 5 Udogie 5 (20’ st Soppy 5), Pussetto 6 (28’ st Success 6) Beto 6 Deulofeu 6 A disposizione: Piana, Fedrizzi, Castagnaviz, Damiani, Cocetta, Codutti. All. Cioffi

ATALANTA (3-4-1-2): Musso 6 Toloi 6.5 Palomino 6.5 Djimsiti 6 (45’ st Cittadini sv) Maehle 7 De Roon 6.5 (1’ st Pessina 6.5) Koopmeiners 6 Pezzella 6.5 (28’ st Hateboer 6) Pasalic 7 (28’ st Miranchuk 6.5) Malinovskyi 6.5 Muriel 7.5 (34’ st Ilicic 6). A disposizione: Rossi, Bertini, Demiral, Scalvini. All. Gasperini

Arbitro: Fabbri 6 Assistenti: Longo e Rocca. IV uomo: Pezzuto. VAR: Mariani. AVAR: Valeriani

Marcatori: pt 17’ Pasalic 22’ Muriel 44’ Malinovskyi; st 14’ Molina 31’ Muriel 43’ Beto 44’ Maehle 47’ Pessina

Ammoniti: Becao, Deulofeu, De Roon

Recupero: 1, 2

Nella foto, Muriel festeggia la doppietta a Udine (credits: Alberto Mariani

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Occhi puntati su Zapata

Fabio Gennari |
23 Settembre 2022
L’Atalanta di Gasperini, dopo la sosta per le Nazionali in cui sono impegnati 12 giocatori della rosa, affronterà a Bergamo la Fiorentina di ...

Atalanta fucina di nazionali

Eugenio Sorrentino |
22 Settembre 2022
C’è il solo Rafael Toloi nella selezione azzurra di Roberto Mancini a rappresentare l’Atalanta. L’italo-brasiliano, campione europeo nel 2021, è ri...

Giorgio Scalvini marchio di qualità

Federica Sorrentino |
21 Settembre 2022
Giorgio Scalvini, 19 anni il prossimo 11 dicembre, è già più di un predestinato. Possiede già, oltre che piedi buoni e struttura fisica, intelligen...