Atalanta Football Camp fa tappa in Egitto

Redazione |

Dopo Bosnia Erzegovina e Albania,sarà l’Egitto a ospitare gli Atalanta Football Camp, che quest’anno si svolgeranno dal 5 al 7 ottobre, offrendo a 120 bambini e bambine la possibilità di sviluppare il loro abilità allenandosi con gli istruttori del Settore Giovanile Atalanta. Alla realizzazione di questo nuovo progetto internazionale contribuiscono Alexbank del gruppo Intesa Sanpaolo, attraverso la Divisione International Subsidiary Banks, e Sawiris Foundation, che a sua volta persegue progetti educativi e sociali in Egitto attraverso lo sport e la formazione didattica. La presentazione ha avuto luogo al Gewiss Stadium, presenti Roberto Samaden, Responsabile Settore Giovanile Atalanta, Noura Selim, executive director of Sawiris Foundation, Dante Campioni, CEO Alexbank e Laila Hosni, CSR Sustainable Development Office Head Alexbank, e in qualità di testimonial Ivan Pelizzoli, cresciuto nel vivaio atalantina e oggi responsabile organizzativo del settore giovanile.

“La collaborazione con Atalanta ci rende particolarmente orgogliosi e rappresenta una grande opportunità per i ragazzi di affrontare l’esperienza formativa del Football Camp, sapendo che questa occasione sarà importante anche per molti talenti in erba di mettersi in evidenza” – ha dichiarato Laila Hosni, CSR Sustainable Development Office Head Alexbank.

“Gli Atalanta Football Camp sono un’esperienza a 360 gradi, non solo calcistica, ma anche educativa e formativa – ha sottolineato  Roberto Samaden, responsabile settore giovanile Atalanta – Il valore insito nell’attività giovanile è il più bello che si possa trasmettere. Un’esperienza formativa per gli stessi allenatori che seguono i ragazzi dell’Atalanta e andranno in Egitto per gestire il Football Camp. Questo è un elemento fortemente distintivo, perché la filosofia di Zingonia viene ad essere così traslata. C’è una squadra invisibile coinvolta nel percorso di crescita dei ragazzi, non solo in campo ma anche fuori dal campo. Due porte e un pallone permettono ai bambini di giocare, divertirsi e stare insieme. Il calcio svolge una funzione sociale, è inclusione e gioco e segna il superamento di ogni differenza”.

La conferenza stampa al Gewiss Stadium. Da sinistra: Roberto Samaden, Responsabile Settore Giovanile Atalanta, Noura Selim, executive director of Sawiris Foundation, Dante Campioni, CEO Alexbank e Laila Hosni, CSR Sustainable Development Office Head Alexbank (credits: atalanta.it)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

La Dea in Champions prima di volare a Dublino

Eugenio Sorrentino |
18 Maggio 2024
L’Atalanta incassa i tre punti auspicati allo stadio di Via del Mare e si assicura la qualificazione alla prossima Champions League. Per la vittori...

La quarta volta in Champions una carica in più

Fabrizio Carcano |
18 Maggio 2024
L’Atalanta rimanda la festa per la Champions alla prossima settimana. Prima ovviamente c’è la finale di Europa League diventata il vero obiettivo d...

U23 non basta il gol vittoria a Catania

Fabrizio Carcano |
18 Maggio 2024
Non è bastata una grande partita, ed una vittoria per 1-0 a Catania, all’Atalanta under23 per evitare l’eliminazione nel primo turno dei playoff na...