ATP Challenger di Bergamo vetrina del tennis femminile?

Eugenio Sorrentino |

I tornei Challenger del circuito ATP hanno permesso ai migliori talenti di scalare le classifiche e diventare grandi tennisti. I successi ottenuti in questo tipo di torneo sono stati fondamentali per fare emergere gente del calibro di Roger Federer, Rafa Nadal e Novak Djokovic. Anche Bergamo, con il suo Trofeo Faip Perrel o Perrel Faip ad anni alterni, ha visto transitare e vincere Matteo Berrettini e Jannik Sinner, dopo avere festeggiato la conquista del primo torneo Challenger in carriera di Andreas Seppi. A livello organizzativo, il torneo maschile di Bergamo è considerato un esempio di eccellenza. Traslato da marzo a fine ottobre dopo la pandemia, all’insorgere della quale si dovette rinunciare allo svolgimento della finale del singolare nell’edizione 2020, il Trofeo Faip Perrel ha continuato a sfornare giocatori in ascesa. Ora, però, la rimodulazione dei punteggi assegnati nel circuito ATP Challenger ne mette in dubbio la continuità. Ciò perché si è deciso di assegnare più punti ai tornei da 250mila dollari di montepremi e meno dai 175 in giù. A Bergamo gli organizzatori stavano pensando di alzare il valore dai 75mila a 100mila. Ma potrebbe non bastare a richiamare l’interesse dei migliori giocatori. Se, infatti, fino al 2023, la differenza tra un semifinalista di un Atp 250 e un finalista di un Challenger 100 era di 30 punti (90 contro 60), da quest’anno la differenza diventerà di 50 punti (100 contro 50). A Bergamo si sta riflettendo e il direttore del torneo Marco Fermi non esclude altro tipo di soluzioni, che consentirebbero di conservare il prestigio della manifestazione e godere di un tennis di alto livello. Una delle possibilità potrebbe essere quella di puntare all’organizzazione di un Challenger femminile da 125mila dollari, fortemente attrattivo dal momento che i nuovi criteri di punteggio non toccano le racchette in rosa.

L’inglese Jack Draper, vincitore della 18esima edizione del trofeo Faip Perrel (Ph: Antonio Milesi)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Il mito di Pantani a vent’anni dalla scomparsa

Eugenio Sorrentino |
14 Febbraio 2024
Il 14 febbraio del 2004, nel giorno di San Valentino, Marco Pantani cessava di vivere in un residence sul lungomare di Rimini. Una fine tragica, ch...

L’ultimo tuono di Gigi Riva

Eugenio Sorrentino |
22 Gennaio 2024
“Rombo di tuono” – soprannome coniato da Gianni Brera per Gigi Riva – ha lasciato questo mondo, si è congedato dalla sua Sardegna dove ...

Viva il calcio della meritocrazia

Eugenio Sorrentino |
21 Dicembre 2023
La pronuncia della Corte di Giustizia Europea sul ricorso presentato dai fondatori della Superlega, in cui si sottolinea che “le norme FIFA e UEFA ...