Berlino conferma che tutte le partite sono utili

Fabio Gennari |

Una partita utile. L’ha definita così anche Gian Piero Gasperini, Union Berlino – Atalanta è finita 4-1 per i tedeschi ma le indicazioni, sia positive che meno, non sono mancate. Il risultato è figlio di episodi, nel primo tempo l’Atalanta è stata bucata 3 volte in 20 minuti da azioni in ripartenza che vanno sicuramente gestite meglio, con più attenzione e senza sbavature ma è un bene che queste cose capitino adesso in modo da lavorare sulle correzioni e migliorare. Sempre. 
Rispetto a Bournemouth i nerazzurri hanno tenuto il campo davanti a Carnesecchi (stavolta titolare e impegnato in diverse occasioni: prova positiva) con meno precisione, la linea di centrocampo ha protetto meno e nelle “infilate” dei tedeschi i bergamaschi hanno perso lucidità e la partita. Scalvini, formidabile in terra d’Albione come riferimento centrale, ha commesso un paio di leggerezze che sono costate care e Gasperini, sul 3-0, lo ha mandato a giocare da braccetto rimettendo Djimsiti in mezzo. Le cose sono andate meglio, il classe 2003 cresciuto nel vivaio ha anche servito l’assist per il 3-1 di Pasalic e i segnali sono chiari: senza Toloi (ieri a riposo) e con un Kolasinac che ha fatto vedere di saperci decisamente fare, ci sono da registrare un po’ di cose ma queste partite servono esattamente per smascherare le problematiche e correggere. Intervenire. Sistemare. 
In attacco, El Bilal Tourè continua il suo inserimento stavolta con un poco meno di un tempo (il secondo) in cui si vede bene che sta cercando le misure al contesto. Un paio di tentativi di andare al tiro, una bella giocata per uscire dalla pressione alta dell’Union e movimenti da riferimento centrale in un 3-4-3 con Lookman a sinistra e Latte Lath, positivo, sull’out opposto. Il numero 24 nerazzurro, lo ha detto anche Gasperini, ha fatto vedere buone cose e la sua conferma alle spalle di Scamacca e Tourè sembra sempre più probabile. In quel caso,  Zapata (a Monza) e Muriel (in Arabia?) potrebbero presto salutare. 
Complessivamente, la squadra di Gasperini ha costruito buone trame ed è arrivata al tiro più volte, il gol di Pasalic è stato di ottima fattura e spesso ci si è mossi palla a terra con la ricerca di quegli automatismi che in passato hanno regalato anche grandi soddisfazioni. Avanti con fiducia, tanta voglia di lavorare per sistemare le cose che non vanno e costruire una stagione da protagonisti. 

Scalvini è stato impiegato inizialmente da centrale difensivo a Berlino. Da braccetto, ha servito l’assisti per il gol di Pasalic (credits: atalanta.it)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Kolasinac il gladiatore è l’uomo in più di Gasp...

Fabrizio Carcano |
22 Giugno 2024
Il riposo del guerriero. Meritato. Rigenerante. Terapeutico. Sead Kolasinac, 31 anni compiuti giovedì 20 giugno, sta guardando gli Europei da spett...

Esordio europeo nel Friendly Match con l'AZ Alk...

Federica Sorrentino |
20 Giugno 2024
L’Atalanta ha scelto un esordio europeo con i fiocchi prima di giocare il match valido per la Supercoppa continentale con il Real Madrid alla vigil...

Al raduno del 10 luglio largo alla vecchia guardia

Fabrizio Carcano |
19 Giugno 2024
Largo alla vecchia guardia. Per le prime di settimane di lavoro a luglio, al centro sportivo di Zingonia, il tecnico nerazzurro Gian Piero Gasperin...