Blu Basket cade a Milano al suono della sirena

Redazione |

La Blu Basket viene battuta dall’Urania 81-79 al termine di una gara condotta per larga parte dai biancoblù. Guariglia con 25 punti il migliore dei trevigliesi, per i milanesi Piunti (17 punti). La Blu Basket inizia con Giuri in regia (Vitali out per un problema al piede), Cerella e Miaschi esterni, Pacher e Guariglia sotto i tabelloni. Mentre coach Villa recupera e schiera subito l’ex Lupusor, ma è ancora indisponibile Beverly. Per i milanesi partono Amato, Potts, Severini, Lupusor e Piunti. Nel primo periodo l”Urania tira quasi esclusivamente dalla lunga con ottimi risultati, la Blu Basket segna con Miaschi e Guariglia che si dividono i punti nei primi tre minuti (8-9). Poi i biancoblù litigano con il canestro, mentre Milano manda a referto tutti i giocatori del quintetto mettendo a segno un parziale di 10-0 (18-9 al 5′). La bomba di Montano lancia in doppia cifra di vantaggio i locali (26-15) con percentuali altissime dalla lunga (7/11). Il primo periodo finisce 31-22. Nel secondo quarto la Blu Basket viaggia a velocità doppia (parziale 11-21) togliendo ai milanesi l’ispirazione dalla lunga (1/11). Montano segna l’unica tripla, dopo di che la Blu Basket alterna la difesa a zona alla uomo e prende in mano l’inerzia del match. Parziale di 10-0 firmato da Barbante (7 punti a inizio periodo), Miaschi segna e la squadra arriva ad un solo possesso. Due schiacciate e un appoggio di Guariglia (8 punti nel periodo) valgono il sorpasso: 36-38 (17′). Il primo tempo si chiude con la Gruppo Mascio avanti: 42-43. Si torna dagli spogliatoi e la squadra di Finelli alza ulteriormente l’intensità difensiva traendo vigore nell’altra metà campo. Break di 8-0 con Villa che chiama time-out vedendo i suoi vacillare. L’Urania rientra con Piunti, Guariglia la ricaccia indietro con cinque punti consecutivi: al 26′ Treviglio tocca il massimo vantaggio (48-60). Cinque liberi di fila (due di Potts e tre di Montano) riportano sotto i locali (55-60). Poi torna in campo Barbante e ne mette quattro, il terzo tempo di Bonacini riporta a fine periodo l’Urania sotto di due lunghezze (62-64). La terza sirena suona sul 63-66. Tutta la quarta frazione scorre con le due contendenti punto a punto. Si segna poco e l’Urania si porta sopra 70-69 (34′) e la gara continua a essere intensa e combattuta, Il più concreto per i locali è Piunti (6 punti) e i wildcats vanno sul 76-72 (38′). La bomba di Landi a 1’16” dalla fine regala il +5 all’Urania (79-74), ma la Blu Basket replica con la tripla di Giuri (79-77). Segna ancora Landi al quale risponde Pacher su assist di Harris: 81-79 a -30″, Dopo l’ultimo recupero difensivo, Harris va al ferro per la parità, ma non segna e non viene fischiato fallo. Finisce 81-79: la Blu Basket è battuta dall’Urania per la seconda volta.

Wegreenit Urania Milano – Gruppo Mascio Treviglio 81-79 31-22, 11-21, 21-23, 18-13)

Wegreenit: Amato 5, Potts 14, Severini 8, Lupusor 6, Piunti 17; Landi 11, Montano 14, Bonacini 4; Cavallero ne, Ciccarelli ne. All. Villa.

Gruppo Mascio: Giuri 10, Cerella 2, Miaschi 18, Pacher 4, Guariglia 25; Harris 7, Barbante 13, Pollone, Sacchetti; Vitali ne, Falappi ne, Carpi ne. All. Finelli.

Un’azione di Giuri sul campo dell’Urania Milano (credits: ufficio stampa Blu Basket)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Paolo Fassina nuovo coach Edelweiss Albino

Luciano Locatelli |
24 Giugno 2024
Sarà Paolo Fassina il nuovo allenatore della Playing For Bergamo Edelweiss Albino, per la stagione 2024/25 di basket femminile serie B di Lombardia...

BB14 via l’asse play-pivot Gianoli e Gallizzi

Fabrizio Carcano |
20 Giugno 2024
In attesa di conoscere il suo futuro la Bergamo Basket 2014, neopromossa in serie B nazionale da soli dieci giorni, sta salutando diversi protagoni...

Il bergamasco Flaccadori tricolore con Olimpia ...

Fabrizio Carcano |
14 Giugno 2024
C’è anche un pezzo di basket bergamasco nel 31esimo scudetto, il terzo consecutivo, conquistato giovedì sera a Forum dall’Olimpia Milano. Tra i die...