Blu Basket crolla nel finale a Cremona

Redazione |

La Blu Basket cade nel finale al PalaRadi di Cremona dopo una gara dai due volti. Con un ottimo avvio i biancoblù vanno anche a condurre con un discreto margine (+14), prima di crollare sotto l’aggressività della Ferraroni che, oltre ai due punti per la vittoria (87-80), si porta a casa anche la differenza canestri nel confronto diretto.

Finelli può riproporre Vitali dopo quasi due mesi; con il play bolognese, in quintetto i soliti Harris, Miaschi, Pacher e Guariglia. La JuVi, priva dell’americano Cotton, parte con Shahid, Musso, Timperi, Benetti e Vincini. Apre le danze Pacher con una schiacciata. Con difesa attenta, recuperi e contropiede, in tre minuti i biancoblù vanno sul 2-11 grazie alla prima tripla di Miaschi e Banchi è costretto al timeout. Con le realizzazioni di Vitali e Harris, tutto lo starting five va a referto e tre liberi di Miaschi siglano il primo vantaggio in doppia cifra: 10-21 (6′). Timperi riavvicina i padroni di casa, poi Pollone segna dall’arco, ma commette un antisportivo: Cremona lucra sui liberi e si porta sul 20-24 con Shahid. La reazione Gruppo Mascio passa per le triple di Pacher e la prima sirena suona sul 20-32.

Nella seconda frazione si alza il livello agonistico e i contatti fisici producono un calo delle percentuali di tiro: al 14′ il punteggio è 22-35. Benetti sfugge alla difesa trevigliese, che spende molti falli. La JuVi concretizza dalla lunetta (9/12 nel periodo) ma due schiacciate di Pacher regalano ai biancoblù il massimo vantaggio: 27-41 (18′). La difesa trevigliese non riesce però a contenere Shahid che, prima dalla lunetta, poi dall’arco, riporta i suoi a -5: 38-43 all’intervallo lungo. Dopo il cambio campo la Blu Basket perde il controllo dei rimbalzi (8-3 per Cremona nella terza frazione) ma fino a metà quarto le conclusioni dall’arco sostengono l’attacco: 48-55 al 25′. Vitali innesca Miaschi, poi Guariglia colpisce dalla lunga (59-64), ma nei tre minuti finali la JuVi piazza un break di 11-0 che cambia l’inerzia del match. Musso e Tortù producono l’allungo e al 30′ è 70-64 per i padroni di casa.

L’inizio dell’ultima frazione è ancora più difficile per entrambi gli schieramenti, ma al 33′ a Guariglia viene fischiato il quinto fallo (70-66). La Gruppo Mascio stringe nuovamente le maglie difensive, ricuce con Barbante e torna a condurre grazie a Harris: 72-75 (36′). Cremona si affida a Tortù (10 punti nell’ultima frazione), ma un 2+1 di Pacher regala a Treviglio l’ultima speranza e l’ultimo vantaggio: 78-80 a 1’07”. Musso sigla il definitivo allungo e il match termina 87-80 a favore della JuVi Cremona.

Domenica 28 gennaio la Gruppo Mascio torna a giocare davanti al proprio pubblico: alle 18:00, al PalaFacchetti, sarà ospite la Benacquista Assicurazioni Latina. Sulla panchina trevigliese non ci sarà, però, il coach Alessandro Finelli, il quale è stato sollevato dall’incarico poche ore dopo la sconfitta di Cremona, che ha lasciato Blu Basket a 20 punti a metà classifica. Un rendimento assai modesto rispetto agli obiettivi della società.

Ferraroni JuVi Cremona – Gruppo Mascio Treviglio 87-80 (20-32, 18-11; 32-21, 17-16)

Ferraroni: Shahid 17, Musso 9, Timperi 9, Benetti 13, Vincini 6; Sabatino 2, Tortù 24, Magro 5, Costi 2; Grassi ne, Boni ne. All. Bechi.

Gruppo Mascio: Vitali 5, Harris 13, Miaschi 14, Pacher 23, Guariglia 10; Barbante 6, Pollone 3, Sacchetti 2, Cerella 2, Giuri 2. All. Finelli.

Guariglia in azione sul parquet di Cremona, dove la Blu Basket è stata battuta nel finale aver accumulato un vantaggio di 14 punti (credits: ufficio stampa Blu Basket)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

BB14 e BluOrobica promosse ai playoff

Fabrizio Carcano |
21 Aprile 2024
La Bergamo Basket battendo in casa all’Italcementi la quotata Fulgor Fidenza per 81-70 ha chiuso al quarto posto nel girone nord est dei PlayIn Gol...

Blu Basket ci prova ma non arriva a Cento

Redazione |
21 Aprile 2024
La Blu Basket ci prova, ma Cento passa a Treviglio anche in virtù delle maggiori motivazioni di classifica. Il pregara è pura emozione al PalaFacch...

Medico senza tesserino e Edelweiss Albino perde...

Luciano Locatelli |
20 Aprile 2024
Non era mai successo, così almeno secondo testimonianza dei dirigenti della società Edelweiss Albino, che una partita non venisse disputata e persa...