Blu Basket fattore campo saltato in Gara 3

Simone Fornoni |

Non basta reclamare di essersi riavvicinati a meno 1 sul 68-69 a 1’24” dal gong per poi aver mancato il pari sul 71 una manciata più tardi, pur con l’alibi dell’assenza di Sacchetti, un cambio in meno sotto canestro, a fare il paio con quella ormai annosa di Lupusor. Perché la realtà nuda e cruda condanna la Blu Basket Treviglio a rincorrere il 2-2 con le spalle al muro nella serie dei quarti dei playoff domenica nell’ospitata-bis a Chiusi, a ruota del fattore campo saltato una volta per parte. Corbett (18) e Miaschi (7+5+2) i firmatari delle illusioni di cui sopra, ma tirando col 36,8 per cento c’è poco da fare. Una partita a inseguimento, costantemente sotto, addirittura 19-4 a metà del quarto d’avvio, con una rotazione menomata, selezionando male le conclusioni a differenza di gara 2 sul legno avverso: ecco spiegata in soldoni la vittoria corsara dell’Umana, per 76-70 (23-11, 9-16, 20-22, 24-21), al PalaFacchetti.

Per soprammercato, Langston, 10+4 contro l’ex Ancellotti (2+13), un Wilson dalla partenza a razzo (11 nel primo periodo su 16, 11 tabelloni) e Possamai (4+4), arriva alla fine privo di cartucce, dopo aver battagliato quasi da solo, con l’aiutino di un Lombardi meno sul pezzo delle altre due volte, 10 e 8 carambole senza incidere nel quarto e decisivo periodo nonché costretto a partire in quintetto con il superfluo Cipolla ala piccola (0/1 da fuori, 1 rimbalzino e 2 palle perse in 4 minuti e mezzo). La San Giobbe di Giovanni Bassi scappa subito 9-2 entro due giri di lancetta e mezzo trovando sempre la forza di riallungare dalla distanza, specie al rientro dal tunnel con Criconia e Pollone (massimo vantaggio sul +15 e 67-56 allo start dell’ultima passerella), entrambi da 13 come un Medford sottodimensionato da un Rodriguez (10 e 4 assist, ma 3 su 12 dal campo a ruota di 3 liberi infilati a 17′ dai titoli di coda: prima, zero) comunque sotto tono, co-firmatario soltanto della vana riscossa da 6’48” alla sirena in avanti accompagnato anche dal genovese oltre che dalla guardia USA, in precedenza svegliatosi sul 25-27 dall’arco a un poker dall’intervallo trovando sul 27-30 l’unica combinazione veloce col totem là sotto.

Di qua Reati (5 con 2/8, bombone del 47-50) meno positivo di un Bogliardi spesso dentro come secondo play da 8 con 2 su 2 dai 6,75 per non far scappare i buoi nel terzo minitempo, più un D’Almeida da un paio di personali in sette cronometrici. Di là, backup on fire come il regista tascabile Raffaelli (9) e Musso (6) che raddrizza la manina nel finale per tenere sopra i suoi. Serve l’impresa, perché non si può giocare in otto, né fare 25/68, né perdere 49 a 35 la lotta delle plance dovendo subire il gap fisico ruolo per ruolo

Trevigliesi caduti in casa e costretti a vincere a Chiusi (credits: ufficio stampa Blu Basket / Alessandro di Cio).

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Edelweiss Albino recupererà la gara fermata dal...

Luciano Locatelli |
29 Novembre 2022
Lieto fine per la Playing For Bergamo Edelweiss Albino che sabato 26 novembre non aveva potuto disputare l’incontro casalingo contro il Team 86 Vil...

BB14 due match casalinghi per tornare a vincere

Fabrizio Carcano |
29 Novembre 2022
Bergamo Basket 2014 chiude il mese di novembre tornando a giocare in casa, mercoledì 30 alle 20:30 all’Italcementi, affrontando la Virtus Lumezzane...

BB14 sconfitta anche a Padova

Fabrizio Carcano |
27 Novembre 2022
Precipita la Bergamo Basket 2014. La serie di sconfitte si allunga: cinque nelle ultime sei giornate. Una crisi evidente di gioco e di risultati. L...