Blu Basket una Biella di troppo

Simone Fornoni |

Hai voglia a dire che Kenny Hasbrouck, 16 e 4 smazzate decisive nel 73-71 (21-20, 16-16, 13-16, 23-19) biellese nella Bassa, è una specie di extraterrestre. Perché il PalaFacchetti non ha perduto l’imbattibilità per la seconda volta nelle ultime cinque (con Milano la precedente) soltanto per le sue incredibili triple fuori equilibrio a due e mezzo (65-62), uno e quaranta (68-62) dal gong, o per i suoi servizi a Davis (17+6) che mette quel che serve dalla lunetta per rintuzzare la bomberata del buon Federico Miaschi, il migliore della Blu Basket Treviglio a quota 19 e 9 rimbalzi, nel tentativo-bis (minuto 39 e 54 secondi) di riavvicinamento a tiro di un Rodriguez (11+6+4) altalentante (68-70, dall’angolo destro) dopo averle risolte quasi sulla sirena a Capo d’Orlando e con Mantova.

Sotto ritmo, aggrappata a soluzioni a metà del guado tra l’individuale e il raffazzonato, la rotazione di Michele Carrea cede alla pericolante Edilnol Biella, battuta peraltro a legni invertiti (78-69), di corto muso ma prendendoci un sonoro schiaffone. Se era impensabile segnare di più, 27/69 (8/26 dalla lunga) dal campo e 9/16 nei personali sono un brutto segnale, contro quella che alla vigilia era la seconda difesa del Girone Verde di A2 dietro Udine. Raziocinio e intensità pendono invece dalla parte di coach Andrea Zanchi, che ha ricavato il meglio dal baby Bertetti (15+5), vedi sfuriata da ottovolante a sette dall’intervallo per il massimo vantaggio ospite sul 31-22.

Il Gruppo Mascio, incapace di convertire in oro i tanti secondi o terzi tiri concessi, testimoniati dai ben 19 tabelloni nemici conquostati sui 47 totali, è riuscito a stare avanti quattro volte in croce. Precisamente, sulla schiacciata allo start di Sollazzo (6-4), tripla nel quarto periodo per scrivere 11 (più 8 carambole) e agevolare l’ultimo sorpasso con tabellata e appoggio di Langston (9+7, zavorrato da 5 palle perse), sul primo dispari del regista dominicano (18-17) verso la fine della decade number one in coda alla fiammata di D’Almeida (7+5; 7 Sacchetti,, 2 Lupusor e 2 Bogliardi) e infine grazie al 10-0 di break nella penultima passerella per il 48-42 chiuso dal canestro pesante dell’ala genovese dalla sinistra.

Troppo poco, aggiunto all’unicum da 3 prima della sirena corta di Reati, non al meglio alla seconda partita dopo la lunga pausa, per rintuzzare gli strappettini altrui frammisti a una grinta da salvezza, con gli esterni Pollone (9+10) e Bianchi (play nominale, 2+3) a metterci del loro come le riservone Soviero e Vincini (2) più Morgillo (6 e grande difesa) e Infante (4+5) sotto. Col record di 12 vinte e 7 perse si va verso l’ultima domenica di febbraio a Piacenza, battuta in supercoppa e anche all’andata (95-71), ma visto il precedente sarà utilissimo resettare lo score.

Per Blu Basket secondo stop al PalaFacchetti (credits: ufficio stampa Blu Basket)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

BB14 terzo ko consecutivo

Fabrizio Carcano |
4 Febbraio 2023
Un’altra sconfitta per il Bergamo Basket 2014, battuta in casa per 69-84 da Bernareggio e in caduta libera con tre sconfitte consecutive, con otto ...

Edelweiss Albino continua la striscia positiva

Luciano Locatelli |
4 Febbraio 2023
Vittoria e partita combattuta per la Edelweiss Playing For Bergamo Albino che, priva di due sue giocatrici importanti, riesce comunque ad imporsi p...

Blu Basket sbanca Milano con lo show degli esterni

Redazione |
4 Febbraio 2023
La Gruppo Mascio Blu Basket conduce e in porto la gara con l’Urania Milano battendo i milanesi 84-72. Gli esterni biancoblù protagonisti del ...