Conti in salute per crescere ancora

Eugenio Sorrentino |

Il bilancio economico di una società non è solo consuntivo, ma soprattutto punto di partenza anche quando i conti sono positivi. Lo sono certamente quelli dell’Atalanta, che si conferma in salute, con un patrimonio netto cresciuto da 129,3 a 165,2 nell’anno solare 2021 e la contestuale diminuzione dei debiti da 161 a poco meno di 150 milioni. Nel rendiconto, mezza stagione 2020/21 con il traguardo degli ottavi di Champions League e mezza di quella in corso relativa all’esperienza limitata dalla fase a gironi. I risultati sportivi di assoluto livello hanno contribuito a valorizzare ulteriormente il brand. Lo dimostra l’ammontare delle entrate derivanti dagli sponsor, cresciute di 10 milioni, da 18,2 a 28,2 milioni. Il monte dei ricavi è leggermente migliorato, restando a quota 242 miloni con un delta positivo di 670mila euro. Per avere un metro di riferimento, nel 2018 Atalanta aveva superato per la prima volta i 150 milioni di ricavi. Parallelamente, sono lievitati i costi di produzione, da 166,5 a 189,2 milioni per effetto dell’aumento dei salati (da 67,5 a 82,6 milioni) e dell’ammortamento dei cartellini (da 42,7 a 52 milioni). L’utile dell’esercizio 2021 è pari a 35,1 milioni, sì in diminuzione rispetto ai 51,7 del 2020, ma resta un attivo di tutto rispetto a cui ambirebbero molte grandi squadre, che magari non hanno raggiunto i risultati sportivi dell’Atalanta. La società inizia il nuovo corso nel segno della continuità del progetto che la famiglia Percassi si è dato e che ora chiamato a sé nuove risorse. Altrettanto salutari per il fabbisogno economico volto al consolidamento della crescita sportiva. La storia dell’Atalanta è intrisa di spirito bergamasco, che non si dilapida ma avvolge chi lo acquisisce.

Nel percorso di valorizzazione del brand Atalanta, l’acquisizione del Gewiss Stadium (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Re Federer lascia, viva il re

Eugenio Sorrentino |
15 Settembre 2022
“Chiedi chi erano i Beatles” cantavano gli Stadio quando Roger Federer aveva poco più di tre anni. Verrà un giorno in cui gli amanti del tennis non...

La lezione di Marcell Jacobs

Eugenio Sorrentino |
17 Agosto 2022
Molto spesso le critiche ai grandi campioni dello sport arrivano da chi, poco addentro ai fatti, pretende di saperne, arrogandosi il diritto di sen...

Il grande esempio di Giacinto Facchetti

Eugenio Sorrentino |
18 Luglio 2022
Il 18 luglio 1942 nasceva, a Treviglio, Giacinto Facchetti, in assoluto una bandiera dell’Inter diventata grande con Helenio Herrera e con la quale...