Covid e fronte del calcio

Eugenio Sorrentino |

Che il calcio sia contagiato è sotto gli occhi di tutti. Non solo dal Covid, purtroppo. Il fatto che la Lega Serie A abbia vinto tre dei quattro ricorsi presentati contro i provvedimenti delle Asl locali, rimettendo in gioco Salernitana, Torino e Udinese, mette in luce un meccanismo che si contorce come una spirale. Un avvitamento senza fine, come dimostra il destino del Bologna, tenuto in quarantena non da una logica medico-scientifica ma sempre da una pronuncia del Tar. Nessuno può dirsi soddisfatto, perché una sentenza amministrativa non è una soluzione a tutela di giocatori e staff, a difesa del calcio e degli interessi che esso rappresenta. La pandemia è una situazione eccezionale, ancorché perdurante, va contrastata possibilmente senza esercitare compromessi, convincendo i reticenti a vaccinarsi, e nel contempo garantendo lo svolgimento in sicurezza delle attività economiche e sociali. Chiarezza e lungimiranza. Ce n’è bisogno in tutti i settori della società, anche nello sport e nel calcio. La posizione della Lega è di facile interpretazione: la positività al Covid equivale a un’assenza per malattia. Dunque, giochi chi è nelle condizioni di farlo. Per il resto, l’impressione è che si navighi a vista. E le decisioni di oggi potrebbero non valere domani.

Un’immagine del Gewiss Stadium vuoto lo scorso 6 gennaio – credits: Alberto Mariani

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Una casa per la pallavolo bergamasca

Eugenio Sorrentino |
7 Febbraio 2023
Le società cittadine di Bergamo del volley e del basket cercano casa. Altrove, per forza. Perché a fine stagione, vale a dire sul finire della prim...

Juve sentenza severissima

Eugenio Sorrentino |
21 Gennaio 2023
La mannaia si è abbattuta sulla Juventus nella serata del 20 gennaio, quando la Corte federale d’Appello della Figc ha sentenziato la condanna  per...

Addio a Vialli campione esemplare

Eugenio Sorrentino |
6 Gennaio 2023
Il calcio pulito e sognante perde i suoi grandi interpreti e testimoni. Pulito perché iniziato nei campi di provincia, dove ci si allenava nel fang...