Dal Gewiss Stadium l’appello alla pace

Giulia Piazzalunga |

Quando si vedono gol come quelli di Malinovskyi ad Atene e di Miranchuk quattro giorni dopo a Bergamo, il pensiero corre alla vera e grande amicizia tra i due giocatori, l’uno ucraino e l’altro russo. Li ha descritti bene Matteo Pessina, parlando di loro come di ragazzi che soffrono per la situazione venuta a crearsi con l’invasione armata dell’Ucraina.

La naturale timidezza di Miranchuk è sfociata in un gesto di rispetto, ovvero la scelta di non esultare dopo il gol segnato alla Sampdoria. Gesto ben compreso dai compagni di squadra, riconosciuto e apprezzato dal pubblico. Malinovskyi manifesta il suo dramma affidando pensieri e appelli a Twitter, ricordando come due anni fa a Kharkiv, una delle città più colpite dal conflitto, l’Atalanta abbia giocato con lo Shakhtar in Champions League. Proprio sul Twitter ufficiale dello Shakhtar è apparso un messaggio lanciato da Ruslan Malinovskyi, in cui si appella alla comunità calcistica, a tutti coloro che sono uniti dall’amore per il gioco del calcio, ogni tifoso, ogni calciatore, ogni allenatore, ogni dirigente, unendo le forze per chiedere di fermare la distruzione e lo spargimento di sangue in Ucraina.

Nell’intervento in sala stampa nel dopopartita di Atalanta-Sampdoria, il Direttore Generale Umberto Marino ha sottolineato come la società bergamasca rappresenti un caso unico in Europa, avendo in organico un giocatore ucraino e uno russo, dimostrando che questi due popoli possono convivere insieme. La speranza è che la volontà di pace riesca a fare breccia e la diplomazia prevalga sulle armi.

Una bandiera ucraina con la scritta “No War” mostrata dai tifosi al Gewiss Stadium (Photo Credits: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

L’U23 pareggia a Legnago e aggancia il quarto p...

Fabrizio Carcano |
26 Febbraio 2024
Punto in trasferta per l’Atalanta under23 che pareggia per 1-1 sul campo dei padovani del Legnago Salus per 1-1, rimontando a sei minuti dalla fine...

Kolasinac e Koopmeiners spirito di squadra

Federica Sorrentino |
26 Febbraio 2024
Ci sono immagini che valgono più delle parole. E’ quanto dice quella che ritrae un indomito Sead Kolasinac, ferito al sopracciglio e bendato, strin...

Atalanta rimonta e punto d'oro con il Milan

Eugenio Sorrentino |
25 Febbraio 2024
L’Atalanta strappa un punto prezioso a San Siro, riuscendo a contenere la forza d’urto del Milan, che fa la partita ma non va oltre la fiammata vin...