Dea formato europeo s’impone al Betis

Eugenio Sorrentino |

Allo stadio Villamarin di Siviglia l’Atalanta ha colto una nuova vittoria esterna dopo quella ottenuta a Nizza, peraltro replicando il risultato di tre reti a zero. Un successo netto, che conferma come la Dea abbia conservato appieno, nel gioco e nell’atteggiamento, la sua dimensione europea. Nel terzo test-match di dicembre, la squadra di Gasperini ha preso le misure al Betis, qualificatosi agli ottavi di Europa League e in corsa nel campionato spagnolo per un posto nella Champions della prossima stagione. Solida e compatta, l’Atalanta ha espresso le sue geometrie coprendo gli spazi e dando prova di condizione atletica ottimale, avendo di fronte una squadra già pronta a riprendere il proprio campionato.

LA CRONACA

In terra spagnola, Gasperini torna a sperimentare l’impiego di Maehle come interno di centrocampo affiancandolo a De Roon, che torna in formazione dopo il mondiale insieme a Koopmeiners avanzato nel ruolo di trequartista a supporto della coppia colombiana Muriel-Zapata. Zortea e Ruggeri occupano le fasce, mentre davanti a Musso giocano Toloi, Palomino e Djimsiti. Nella squadra andalusa, schierata con il 4-2-3-1, gioca titolare il difensore Luiz Felipe, ex Lazio.

L’Atalanta si confronta con le doti di palleggio dell’undici di Manuel Pellegrini, producendo un efficace gioco di interdizione e recuperando puntualmente palla.

Tuttavia, il primo intervento tra i pali è di Musso, che al 17’ devia in angolo la conclusione ravvicinata di Fekir, liberato in area da un colpo di tacco e bravo a sopravanzare Palomino, pronto poi al 21’ ad anticipare Ia punta centrale Iglesias. Un minuto dopo Atalanta passa in vantaggio sugli sviluppi di un cross di Ruggeri con pallone respinto da Alex Moreno, che Muriel manda forte e preciso all’incrocio dei pali con un tiro al volo di sinistro. Dopo un tiro di Zapata, al 24’ Musso blocca senza problemi un rasoterra di Iglesias. Al 27’ il raddoppio di De Roon, che raccoglie un retropassaggio di Zapata e dalla lunetta infila il pallone nell’angolo basso alla sinistra del portiere Rui Silva. Alla mezz’ora ci prova da lontano Alex Moreno, conclusione lontana dallo specchio della porta. Al 39’ Atalanta vicino al tris con uscita sbagliata del portiere Rui Silva, che rischia di essere scavalcato da Maehle riuscendo poi a recuperare la posizione e coprire. Al 42’ incursione di Alex Moreno, il cui tiro cross attraversa l’area perdendosi in fallo laterale. Nel finale un incursione di Zortea, che non riesce a servire Zapata sotto rete, un anticipo fondamentale di Toloi e una clamorosa occasione sui piedi di Iglesias che a due passi dalla porta di Musso spara alto.

A inizio ripresa Gasperini inserisce Ederson al posto di Zortea, spostando Maehle sulla fascia destra. Ederson impiega due minuti e mezzo che andare a segno, ricevendo sulla linea dei 16 metri da Koopmeiners e piazzando il pallone di precisione sul palo più lontano. Dopo una serie di cambi nelle file del Betis, la partita continua a essere combattuta, con l’Atalanta che copre bene e prova a ripartire. Scoccato il quarto d’ora, Musso respinge un tiro da lontano di Fekir.

Al 18’ Gasperini richiama Muriel e Zapata inserendo Lookman e Hojlund, ma la notizia più importante è il ritorno di campo di Zappacosta che, entrato al posto di Maehle, è apparso recuperato e in buona condizione. Al 28’ rasoiata dai 16 metri di De Roon con pallone che lambisce il palo. A 10 minuti dalla fine in campo Okoli e Soppy al posto di Palomino e Ruggeri e infine premio presenza anche per il terzo portiere Rossi, che avvicenda l’ottimo Musso.

BETIS SIVIGLIA-ATALANTA 0-3

BETIS (4-2-3-1): Rui Silva 5 Sabaly 5.5 (1′ st Aitor Ruibal 6), Luiz Felipe 5.5 (24′ st Camarasa 5.5), Felix 5.5, Alex Moreno 6(12′ st Miranda 5.5); William Carvalho 5(1′ st Edgar 5), Guardado 5.5 (12′ st Enrique 5.5); Luiz Henrique 6 (12′ st Joaquin 5.5), Fekir 5.5 (24′ st Dani Perez 5), Rodri 5(12′ st Juanmi 5); Borja Iglesias 5 (23′ st Willian José 5). A disp. Bravo, Dani Martin. All. Pellegrini

ATALANTA (3-4-1-2): Musso 6.5 (89′ Rossi sv); Toloi 6.5 Palomino 7 (36 st′ Okoli sv) Djimsiti 6 Zortea 6 (1′ st Ederson 7), Maehle 6.5 (63′ Zappacosta 6), De Roon 7.5 Ruggeri 6.5 (36′ st Soppy dv) Koopmeiners 7 Muriel 7 (63′ Lookman 6), Zapata 6 (63′ Højlund 6). A disp. Sportiello, Malinovskyi, Boga. All. Gasperini

De Roon ritorno in formazione con gol al Betis (credits: atalanta.it)D

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Atalanta U16 campione d’Italia per la prima volta

Federica Sorrentino |
22 Giugno 2024
L’Atalanta Under 16 ha conquistato il titolo italiano battendo il rimonta il Milan 3-2  stadio Riviera delle Palme di San Benedetto del Tronto. E’ ...

Kolasinac il gladiatore è l’uomo in più di Gasp...

Fabrizio Carcano |
22 Giugno 2024
Il riposo del guerriero. Meritato. Rigenerante. Terapeutico. Sead Kolasinac, 31 anni compiuti giovedì 20 giugno, sta guardando gli Europei da spett...

Esordio europeo nel Friendly Match con l'AZ Alk...

Federica Sorrentino |
20 Giugno 2024
L’Atalanta ha scelto un esordio europeo con i fiocchi prima di giocare il match valido per la Supercoppa continentale con il Real Madrid alla vigil...