Dialoghi al Var

Eugenio Sorrentino |

Una volta che il 35esimo turno di serie A è stato completato, appare evidente come l’errore di comunicazione e/o interpretazione tra Var e arbitro di Spezia-Lazio, in occasione del gol del 3-4 convalidato a Francesco Acerbi, peserà irrimediabilmente sui piazzamenti che valgono l’accesso all’Europa League. In passato c’è stato ben altro, che ha inciso sull’assegnazione dello scudetto, ovvero palla dentro o fuori la linea di porta. Ma erano, per l’appunto, altri tempi, le immagini scorrevano in bianco e nero con i nastri filmati che avanzano e venivano riportati all’inizio dell’azione quasi manualmente. Oggi che la tecnologia la fa da padrona, c’è rimasta solo una cosa e sacrosanta: il regolamento. Che, erroneamente, non è stato applicato in quanto il giocatore laziale si trovava indubbiamente in posizione di fuorigioco. Più che errore tecnico, si è parlato di errore di comunicazione tra l’addetto al Var e l’arbitro, il quale non avrebbe atteso che il fermo immagine venisse valutato. Forse è il caso di valutare la dimensione psicologica in cui operano gli addetti al Var, da remoto e da spettatori. E quanto peso abbia la personalità e l’autorevolezza degli uni rispetto a chi è sul campo sul fronte del dialogo collaborativo. Il Var doveva essere la soluzione finale ai dubbi di interpretazione. Si sta rilevando un boomerang. Ne hanno fatto le spese un po’ tutti e l’Atalanta non poche volte, a cominciare dalla eliminazione subita in Coppa Italia con la Fiorentina, per un fuorigioco non rilevato, e dal gol che sarebbe valso il pareggio con i viola in campionato allo stadio Franchi. E la stessa Atalanta, pure al rallentatore, si ritrova a duellare con una squadra che in classifica ha incamerato due punti più del dovuto, la Lazio, nei confronti della quale, arrivando alla pari all’ultima giornata, potrebbe fare valere ipoteticamente la differenza reti.

Malinovskyi dialoga con l’arbitro a Firenze dopo l’episodio del gol annullato (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Grande Torino la leggenda degli Invincibili

Eugenio Sorrentino |
4 Maggio 2024
Dal 1949 il 4 maggio per la città di Torino non è mai più stato un giorno come gli altri. La squadra di calcio granata capitanata da Valentino Mazz...

Benvenuti a Bergamo la città dell’Atalanta

Eugenio Sorrentino |
19 Aprile 2024
Sono trascorsi 36 anni dalla serata di Atalanta-Malines, datata 20 aprile 1988, che ebbi l’onore di vivere e commentare immaginando che un giorno q...

Il mito di Pantani a vent’anni dalla scomparsa

Eugenio Sorrentino |
14 Febbraio 2024
Il 14 febbraio del 2004, nel giorno di San Valentino, Marco Pantani cessava di vivere in un residence sul lungomare di Rimini. Una fine tragica, ch...