Duvan Zapata a un passo dal record di Doni

Fabrizio Carcano |

Non ci sono solo i gol nell’imprescindibilita’ che sta avendo Duvan Zapata per l’Atalanta in questo finale di campionato. Chiaro i gol fanno la differenza nel risultato finale, sono decisivi come lo è stato il gol con i granata del Torino, ma il 32enne cafetero in quest’ultimo mese e mezzo, con un utilizzo in crescendo, è stato determinante per i movimenti, per gli spazi che crea per i compagni, per come difende la palla spalle alla porta e per come fa salire la squadra.

Lo ha spiegato lo stesso Gian Piero Gasperini: “Zapata è un giocatore straordinario, lo è stato in questi anni e lo è stato contro il Torino non solo per il gol ma come riferimento, negli appoggi, nel difendere la palla, così grazie a lui si avvantaggiano tutti i giocatori”.

Eccola la vera importanza del colombiano. Oltre a segnare, ovvio, perché quello per un centravanti è scontato. E il numero 91 senza infortuni lo ha sempre fatto: dall’estate 2018, quando è arrivato dalla Sampdoria, al novembre 2021, ben 65 gol solo in campionato, più o meno una media di 18 gol a campionato. Poi dal dicembre 2021 sono iniziati i troppi infortuni muscolari, che continuano a rappresentare la vera incognita (da considerare) sul suo futuro. Ma intanto nel presente Zapata si è ripreso il posto da titolare: quattro partite delle ultime sei dal primo minuto, preferito ad un Hojlund che eppure viaggiava come un tornado. La sosta per la nazionali a fine marzo si è rivelata decisiva per il cafetero rimasto a Zingonia a lavorare con Gasp e con il preparatore atletico per riacquistare la forma migliore. E ora Zapata che, insieme al gol ha ritrovato anche il sorriso, promette di segnare a raffica: “Sapevo che era solo una questione di tempo, ora sto ritrovando la continuità e da qui alla fine del campionato spero di fare tutte quelle reti che non ho fatto in questa stagione”.

Mercoledì 3 maggio, nel turno infrasettimanale, ha l’occasione per tornare a segnare in casa, dove non gonfia la rete dal 20 novembre 2021: quell’ultima rete casalinga fu contro lo Spezia, battuto 5-2. Al Gewiss arriva proprio lo Spezia per uno strano disegno del calendario e del destino. E per un altro strano incrocio del destino se mercoledì Zapata dovesse segnare aggancerebbe Cristiano Doni in cima alla classifica dei cannonieri nerazzurri in serie A a quota 69 gol oppure, con una doppietta, lo scavalcherebbe…

L’esultanza di Duvan Zapata dopo il gol che ha deciso il match con il Torino (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Riscatto CDK è andata come doveva andare

Fabio Gennari |
13 Giugno 2024
È andata come doveva andare. Come è giusto, logico e importante che andasse. Il primo “acquisto” dell’Atalanta 2024/25 è un ragaz...

Ederson felice all'Atalanta si gode la Selecao

Eugenio Sorrentino |
12 Giugno 2024
Il brasiliano Ederson si sente un giocatore dell’Atalanta e in questo momento pensa al Brasile che lo ha convocato nell’organico verdeoro per la Co...

Koopmeiners si ferma e rinuncia a Euro 2024

Eugenio Sorrentino |
11 Giugno 2024
Dopo Giorgio Scalvini, al quale è stato ricostruito il legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro, e Marten de Roon, che ha dovuto rinunci...