Edelweiss crolla e perde contatto dalla vetta

Luciano Locatelli |

Pesante sconfitta per la Playing For Bergamo Edelweiss Albino che in terra milanese contro Canegrate perde lo scontro al vertice con un passivo importante. 75-50 il risultato finale di una partita che le stelle alpine dovranno dimenticare alla svelta se vogliono ancora centrare il playoff promozione.

La partita inizia anche bene, con un primo quarto equilibrato che fa pensare ad un confronto combattuto tra le due squadre. 5-4 al 4’, 10-10 al 6’ e finale della prima frazione 17-16 con Birolini e Laube in evidenza per Albino. Nel secondo quarto, però, forcing immediato delle padrone di casa che serrano i ranghi in difesa, Albino fa fatica a trovare la via del canestro e concede spazio. Le ragazze di coach Paletti macinano gioco e incominciano ad incrementare il vantaggio che aumenta di minuto in minuto (19-16 al 2’, 25-20). Coach Giuliano Stibiel chiama time out per cercare di frenare l’inerzia della gara. Ma al rientro la musica non cambia: è sempre Canegrate a fare la partita nonostante un timido tentivo di Carrara e Rizzo che mettono a segno due bombe da 3 punti. Dalla parte opposta Corbetta e Caimi continuano a segnare con insistenza e piegano gli ultimi tentativi di difesa delle stelle alpine. Finale di secondo quarto 37-26.

Dopo l’intervallo ci si aspetta una reazione di Albino, ma così non è. Sono sempre le ragazze di Paletti a fare la partita e segnare a ripetizione trascinate da una super Corbetta, che nel terzo quarto mette a segno ben 17 punti. Al 2’ (28-40), al 4’ (33-45), al 6’ (52-35). A poco servono i richiami di coach Stibiel ed i tentativi di cambiare quintetto, perché per lunghi tratti della gara sembra che in campo ci sia soltanto una squadra, Canegrate. Il terzo quarto si chiude sul punteggio di 60-37 con un divario che diventa pesante (-23 punti).

Ultimo quarto che non cambia le sorti della gara, Canegrate è sempre concentrata e reattiva in campo mentre le stelle alpine fanno sempre fatica sia in attacco che in difesa. Al 4’ (65-40), Crippa e Della Corte provano a ridurre lo svantaggio ma dalla parte opposta le padrone di casa non hanno nessuna intenzione di mollare. A due minuti dalla fine il punteggio è saldamente in mano a Canegrate (70-47), che nel finale allunga ancora con Sansottera e Pianta che realizzano due bombe da 3 punti e chiudono la partita con il punteggio di 75-50.

Un passivo pesante che dovrà far riflettere l’allenatore seriano, piuttosto sconfortato e sintetico al termine della partita: “E’ una sconfitta che ci deve insegnare tanto e dobbiamo apprendere in fretta perché manca davvero poco alla fine del campionato”.

In classifica Albino resta al terzo posto provvisorio con 38 punti e si stacca da Canegrate che sale a quota 42. Sabato 22 aprile le stelle alpine saranno impegnate in casa contro lo Starlight Valmadrera in quella che dovrà essere la partita della riscossa. Le inseguitrici Brignano e Milano Basket Stars incombono, ora sono solo a due punti di distacco. Per centrare l’obiettivo playoff bisognerà mantenere i 2 punti di vantaggio nelle ultime 3 gare di campionato, perché con entrambe le squadre Albino è in svantaggio negli scontri diretti.

Pesante sconfitta a Canegrate con 25 punti di scarto, che mette a rischio i playoff (photocredits: ufficio stampa Edelweiss)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

BB14 e BluOrobica promosse ai playoff

Fabrizio Carcano |
21 Aprile 2024
La Bergamo Basket battendo in casa all’Italcementi la quotata Fulgor Fidenza per 81-70 ha chiuso al quarto posto nel girone nord est dei PlayIn Gol...

Blu Basket ci prova ma non arriva a Cento

Redazione |
21 Aprile 2024
La Blu Basket ci prova, ma Cento passa a Treviglio anche in virtù delle maggiori motivazioni di classifica. Il pregara è pura emozione al PalaFacch...

Medico senza tesserino e Edelweiss Albino perde...

Luciano Locatelli |
20 Aprile 2024
Non era mai successo, così almeno secondo testimonianza dei dirigenti della società Edelweiss Albino, che una partita non venisse disputata e persa...