Emiliano Mondonico il calcio come filosofia

Eugenio Sorrentino |

Quando arriva la data del 29 marzo, la figura di Emiliano Mondonico torna a riempire le pagine dei ricordi. Ricordi di chi ama il calcio e che sono rimasti vivi, come se il “Mondo” non se ne fosse mai andato. E’ successo, purtroppo, cinque anni fa, dopo averlo visto lottare con tutte le forze per fare retrocedere il male che lo aveva colpito. Emiliano Mondonico non si è limitato ad allenare, ma ha ispirato una filosofia di calcio, quello delle cose semplici che possono diventare straordinarie, arrivando a far giocare coloro i quali, finiti ai margini, mai avrebbero pensato di riuscirci. Dice bene la figlia Clara, quando scrive che tentare di abituarsi a stare senza di lui è la cosa più difficile che le sia capitata. Anche se non basta a consolarla, sappia che il Mondo manca a tutti. Ma non per questo il suo credo è andato disperso. Tutt’altro. Sono tante le occasioni per richiamare ciò che il mister di Rivolta d’Adda proferiva, con rispetto, a proposito di calcio e di come si va in campo. Intanto, continuano ad andarci i ragazzi che, grazie all’associazione che porta il suo nome, lo rappresentano con passione, cuore e rispetto.

Un’espressione di Emiliano Mondonico immortalata dal fotografo Paolo Magni

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Grande Torino la leggenda degli Invincibili

Eugenio Sorrentino |
4 Maggio 2024
Dal 1949 il 4 maggio per la città di Torino non è mai più stato un giorno come gli altri. La squadra di calcio granata capitanata da Valentino Mazz...

Benvenuti a Bergamo la città dell’Atalanta

Eugenio Sorrentino |
19 Aprile 2024
Sono trascorsi 36 anni dalla serata di Atalanta-Malines, datata 20 aprile 1988, che ebbi l’onore di vivere e commentare immaginando che un giorno q...

Il mito di Pantani a vent’anni dalla scomparsa

Eugenio Sorrentino |
14 Febbraio 2024
Il 14 febbraio del 2004, nel giorno di San Valentino, Marco Pantani cessava di vivere in un residence sul lungomare di Rimini. Una fine tragica, ch...