Foscarini vede un AlbinoLeffe da Serie B

Federico Errante |

L’AlbinoLeffe è ripartito da Claudio Foscarini. Il tecnico, veneto di nascita ma ormai bergamasco d’adozione, è stato chiamato dal sodalizio seriano per la missione salvezza. In un momento difficile, culminato con il pesante ko ad Arzignano, la virata verso un allenatore che ritorna in panchina a quattro anni e mezzo dall’ultima esperienza, nella stessa categoria, con il Padova.

“Foscarini non ha bisogno di presentazioni – ha aperto il il ds Aladino Valoti -. Dispiace per Biava anche perché è figlio di un percorso pluriennale. Purtroppo però qualcosa non andava e siamo convinti che Claudio ci possa dare una mano”. Il “Fosca”, artefice di “miracoli sportivi” quali Alzano e Cittadella vede analogie proprio con quelli che si possono considerare i due “fiori all’occhiello” del suo lungo percorso: “Sì, vedo tratti in comune – sottolinea -. Mi stimola partire un po’ più dietro magari con qualche giocatore più acerbo e che deve crescere. Si tratta di sfide che gratificano a pieno un allenatore rispetto a grandi piazze in cui si deve solo e soltanto vincere e convincere”. L’AlbinoLeffe fa anche rima con una motivazione ritrovata dopo una lunghissima assenza dal campo: “Lo scorso anno – osserva – ho declinato anche proposte interessanti. Non per un fatto di distanza o di categoria, ma perché non mi ritenevo nello stato d’animo adeguato. Ora è tutto diverso e la chiamata ha creato i presupposti per un accordo”. Il connubio, attualmente, ha il termine nel prossimo 30 giugno perché l’impellenza costringe ad anteporre un salvagente nella situazione contingente: “Prima vedevo la squadra da esterno – rileva – ora mi servirà un attimo per capire il singolo non solo dal punto di vista tecnico, piuttosto sul piano del carattere e della personalità. Ecco perché almeno inizialmente non farò grandi stravolgimenti. Con un organico molto giovane va trovato in fretta il giusto equilibrio tra il processo di maturazione dei ragazzi e la necessità di risalire in classifica. Il centro sportivo? Vale almeno la serie B. Ci sono società di vertice in cadetteria che sono costrette a spostarsi ogni giorno per allenarsi. Guardando questa struttura, la categoria dell’AlbinoLeffe è sbagliata”. Il debutto del nuovo tecnico avverrà domenica nella sfida interna (ore 17.30) a Zanica contro il Renate, settima a 41 punti contro i 34 dei blucelesti. 

Claudio Foscarini con Aladino Valoti durante la conferenza stampa di presentazione all’AlbinoLeffe Stadium (Ph: Michele Maraviglia/U.C. AlbinoLeffe)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

A Lipsia per l’Italia è la notte dei miracoli

Eugenio Sorrentino |
25 Giugno 2024
All’ultimo, disperato assalto alla barriera croata, l’Italia trova il gol del pareggio che vale il passaggio agli ottavi di Euro 2024. Una percussi...

Il rigenerato De Ketelaere riserva di lusso dei...

Fabio Gennari |
24 Giugno 2024
Ben 50 partite, 25 gol in cui ha messo lo zampino (14 reti e 11 assist) e una stagione che lo ha completamente rilanciato dopo i mesi bui al Milan....

Italia surclassata dalla Spagna che vince con u...

Eugenio Sorrentino |
20 Giugno 2024
Tutto avremmo immaginato, fuorché l’assenza di parate del portiere Unai Simon nel corso della partita che ha opposto gli azzurri agli iberici. La R...