Gasperini cerca il successo contro il suo passato

Fabrizio Carcano |

“In queste prime otto gare la squadra è cresciuta e ha offerto buone prestazioni, abbiamo giocato bene e abbiamo avuto un rendimento alto. Ma adesso abbiamo bisogno di inserire nuovi giocatori, soprattutto quelli di attacco, dobbiamo cercare di allargare la rosa il più possibile perché ci siamo basati sempre sullo stesso nucleo”. 

Gian Piero Gasperini pensa come sempre solo alla prossima partita, quella di domenica 22 ottobre alle 18 contro il Genoa (“Non faccio mai scelte sulle partite a seguire, scegliamo la formazione migliore per affrontare il Genoa”), ma è consapevole ovviamente del nuovo ciclo di ferro da sei partite in venti giorni che attende la sua squadra.  Genoa fonte di ricordi ormai un po’ lontani per il tecnico, con dieci anni sulla sponda rossoblu del capoluogo ligure, ma Gasp è concentrato solo sul risultato: “I ricordi restano e sono bellissimi, ma quando ci si avvicina alla partita si pensa solo a vincerla”. 

Elogi sinceri per i Grifoni e per il lavoro svolto da Alberto Gilardino, suo ex giocatore in una stagione genoana. “In questo Genoa si vede l’impronta di Gilardino che ho avuto da giocatore: è una squadra che ha avuto una buona partenza pur con un calendario difficile. È una squadra brava in fase difensiva, ma anche nelle ripartenze e nel gioco aereo. Hanno fatto quattro gol alla Roma, due al Napoli, hannovinto in casa della Lazio”. 

Dea senza Koopmeiners, che però sta accelerando il recupero e potrebbe già esserci giovedì in Austria, e con Kolasinac da valutare per un risentimento, ma il resto del gruppo, a parte Toure’, è al completo. 

“Toloi ha recuperato, Koopmeiners è sulla via della guarigione e potrebbe essere pronto già giovedì in Austria oppure domenica contro l’Empoli. Abbiamo quasi tutta la rosa al completo, anche se Kolasinac ha un piccolo risentimento che valuteremo oggi . Gli altri sono rientrati dalle nazionali senza problemi fisici, qualcuno ha giocato un po’ di più, altri meno. Scamacca? Haavuto la possibilità di giocare e segnare a Wembley, lui ha bisogno di non fermarsi e di giocare con continuità, purtroppo ha avuto qualche contrattempo che lo ha rallentato”. 

In porta ci sarà Carnesecchi. “Musso è stato l’ultimo a rientrare ma domani gioca Carnesecchi per dargli modo di avere continuità di giocare”, ha chiosato Gasp. 

Gian Piero Gasperini durante la conferenza stampa della vigilia di Atalanta-Genoa (credits: atalanta.it)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Semifinale di Europa League a un passo

Eugenio Sorrentino |
17 Aprile 2024
“L’Atalanta gioca in tre competizioni e ci auguriamo che continui ad essere impegnata su tre fronti il mese di maggio”. Non è stato l’incipit di Gi...

La Dea domina e spreca rimontata dal Verona

Eugenio Sorrentino |
15 Aprile 2024
Un punto invece di tre. L’Atalanta spreca quanto di buono fatto nella prima parte di gara, con una prestazione degna di quanto visto a Liverpool in...

Gasperini non cerca alibi ma sprona ad andare a...

Fabrizio Carcano |
15 Aprile 2024
Giocando tante partite ravvicinate qualcosa si lascia per strada, qualche punto si perde per strada. Gian Piero Gasperini non gira intorno ai disco...