Gasperini critica i tempi lunghi del mercato

Fabrizio Carcano |

I primi sorrisi di Gasperini, per i tifosi e l’accoglienza ricevuta dai nerazzurri a Clusone, e i primi tuoni e fulmini. Contro un mercato infinito che terminerà alla vigilia della terza giornata di campionato, tra 45 giorni. “Ma che senso ha così? È chiaro che adesso qualunque giocatore cerchi ti rispondono che costa una cifra alta che tra quaranta giorni non sarà la stessa. E se arriva all’ultimo giorno un’offerta irrinunciabile per un giocatore fondamentale? A che serve questa roba? A nessuno, a noi allenatori meno che meno. Neanche le preparazioni sono più le stesse, magari lo sono solo fisicamente: questo è un mercato fuori luogo anche con le esigenze degli allenatori. Perché così anche le preparazioni non hanno senso e devi farle con i giocatori della Primavera perché devi aspettare i ritorno di quei calciatori che hanno finito di giocare a fine giugno. Questo però è il sistema e ci dobbiamo adattare.”

Gasp deluso verso le regole di mercato (“Così è un mercato bloccatissimo per tutti”) ma soddisfatto di come si è mossa finora l’Atalanta. Il mister esclude la necessità di inserire un altro difensore: “Dietro numericamente siamo a posto. Con Toloi, Djimsiti, Scalvini, abbiamo Okoli, è arrivato Kolasinac, numericamente diamo a posto con cinque difensore più un sesto che magari può arrivare dal settore giovanile, magari viene fuori un nuovo Okoli o Scalvini.”

Bene il primo impatto dei nuovi arrivati (“Hanno voglia di lavorare, sono disponibili), bene soprattutto l’accoglienza del popolo di Clusone come sempre caldo e affettuoso con la sua Dea. 

“Questa di oggi era più una partita di presentazione, era una festa anche per i nostri tifosi che ci hanno riservato come sempre una grande accoglienza. Questa era una partita di allenamento, le indicazioni arriveranno più tardi in altre partite. L’affetto dei tifosi? Per me è determinante e lo è stato anche nel momento in cui ho dovuto fare la mia scelta. Lo scorso anno è stata una grandissima soddisfazione conquistare un posto in Europa League: per me vale la pena continuare qui per continuare a dare soddisfazione a questa gente. Il mio principale scopo è di fare risultati e di dare soddisfazione a questa gente”.

Chiosa sull’attacco: “Davanti siamo in tanti. Abbiamo gli attaccanti dello scorso anno, sta arrivando a Cambiaghi, è tornato Miranchuk. Si è aggregato Latte Lath? Lo conosco già bene, era con noi qualche anno fa, ha avuto qualche anno di difficoltà ma lo scorso anno ha fatto un’ottima stagione, è qui per sopperire all’assenza di Muriel, che arriva martedì, farà qualche partita e poi vedremo. Rinforzare il reparto offensivo è prioritario per tutte le squadre, anche per noi, ma adesso il mercato è bloccatissimo…”

Gian Piero Gasperini in conferenza stampa al termine dell’amichevole con la Rappresentativa Città di Clusone (credits: Pernice Editori)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Europa League e Coppa Italia tutto è possibile

Fabrizio Carcano |
19 Aprile 2024
Davide vestito di nerazzurro sta battendo i giganti Golia delle metropoli del calcio internazionale. L’Atalanta vuole portare la provincia sul tron...

Atalanta in semifinale e Liverpool salva l'onore

Eugenio Sorrentino |
18 Aprile 2024
Al Gewiss Stadium, l’Atalanta ha riscritto la sua storia e aggiunto un nuovo, straordinario capitolo a quella del calcio italiano. Vola in semifina...

Gasperini la sconfitta più bella della sua carr...

Fabrizio Carcano |
18 Aprile 2024
“Abbiamo messo in campo tutti i valori dell’Atalanta, tutti i valori di Bergamo, a cominciare dalla maglia sudata. E tutte le nostre qualità. È bel...