Gasperini rammaricato per il passo falso con la Lazio

Fabrizio Carcano |

La Dea si ferma sul più bello, dopo aver raddrizzato una gara tutta in salita, risalendo dal doppio svantaggio, e Gian Piero Gasperini, esattamente come accaduto tre settimane fa a Firenze, si rammarica per un’altra partita persa per singoli episodi, per disattenzioni difensive.

“Abbiamo fatto un’ottima partita, dispiace di più questo aspetto. Avevamo fatto in mezzo una partita di grande spessore e siamo molto rammaricati per la sconfitta. Sappiamo di dover pagare un po’ di scotto per il fatto che alcuni ragazzi per giocare a questi livelli hanno ancora bisogno di tempo. Continuiamo a reggere sul nucleo di giocatori che sono qui da anni, a cui si è aggiunto Kolasinac e poi ci reggiamo su quelli di sempre”, è l’analisi del tecnico nerazzurro.

Deluso dall’approccio iniziale, nei primi pessimi venti minuti, soddisfatto di quanto visto fino al 3-2 laziale.

“Siamo partiti molto piano rispetto alla Lazio, abbiamo preso gol subito, anzi ci siamo fatti un gol da soli, poi un altro in un contropiede concesso, e abbiamo compromesso la partita nei primi 10-15 minuti ma poi devo dire che siamo cresciuti, abbiamo rimontato la gara ed è chiaro che nel finale un po’ di fatica ha pesato. Non siamo stati pronti in occasione del terzo gol, anche se eravamo a difesa schierata, ma eravamo stati bravi a rimettere in piedi la partita. Paghiamo la non prontezza di tutti. Abbiamo fatto un’ottima partita in mezzo, di grande spessore, ma l’abbiamo compromessa su degli episodi e per questo siamo rammaricati. Chiaro che una volta raggiunto il 2-2 volevamo vincere. La squadra stava bene, nonostante in settimana abbiamo giocato con Juventus e Sporting. Tutte partite di spessore con quasi la stessa squadra”.

Quindi una dura staccata pubblica ad Ademola Lookman entrato nella mezz’ora finale.

“Il suo ingresso è stato la nota stonata della giornata, mi è sembrato un po’ seccato dell’esclusione anche se lui a Lisbona ha giocato 90 minuti. L’ho visto non allineato come gli altri compagni, quasi come il dover entrare per lui sia una cosa da non accettare. Scamacca? Ha bisogno di giocare e trovare minutaggio. Gli altri cambi? Koopmeiners aveva un risentimento ed era rischioso farlo giocare 90 minuti e Muriel ha dato vivacità”, ha concluso Gasp.

Gasperini ha sottolineato come la gara con la Lazio sia stata compromessa dagli episodi (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Padova si conferma bestia nera della U23

Fabrizio Carcano |
13 Aprile 2024
Il Padova si conferma bestia nera per l’Atalanta under23 (in generale in difficoltà con tutte le squadre venete, Vicenza, Arzignano, Legnago e Virt...

La Dea di Liverpool incarna il calcio ben giocato

Federica Sorrentino |
12 Aprile 2024
La voglia di stupire, in casa Atalanta, non è mai mancata. Il mondo del pallone con i suoi osservatori previlegiati dovrebbe esserci abituato e inv...

Atalanta da sogno travolge i Reds

Eugenio Sorrentino |
11 Aprile 2024
L’Atalanta riscrive la storia e replica l’impresa allo stadio Anfield, dove aveva già vinto nella sua seconda annata in Champions League, imponendo...