Gasperini vede l’Europa più vicina

Fabrizio Carcano |

Una lunga esultanza, dopo il gol decisivo di Zapata e poi dopo il fischio finale. Gian Piero Gasperini si lascia andare parlando di ‘immensa gioia’ dopo il successo all’Olimpico di Torino che proietta la Dea a due punti dalla zona Champions.

Vogliamo provare a raggiungere un traguardo mi auguro il più alto possibile, poi vedremo quale: raggiungere nuovamente l’Europa in questa stagione sarebbe molto bello, siamo lì dalla prima giornata e adesso daremo tutto per riuscirci.”

Vittoria di carattere, vittoria fortemente voluta dai nerazzurri che adesso avranno due gare casalinghe consecutive contro Spezia e Juventus.

Non era facile, il Torino è una squadra complicata, non abbiamo fatto una grandissima partita sul piano tecnico, ma abbiamo concesso pochissimo. Abbiamo fatto una partita controllata, abbiamo concesso pochissimo tranne un paio di tiri da fuori. Dopo l’1-1 c’è stata una grande reazione, dopo il pareggio abbiamo fatto di più, sappiamo che per raggiungere posti alti della classifica bisogna vincere. È chiaro che sono tre punti fondamentali, ora abbiamo la possibilità sul nostro terreno di giocarci quelle che sono le nostre speranze. Tra mercoledì lo Spezia e domenica la Juventus può essere una settimana decisiva. È dalla prima giornata che siamo in zona Champions, qualche volta ci siamo stati fuori per qualche punto, ma nel bene o nel male non c’è mai stato niente di definitivo. Il primo obiettivo è quello di pizzicarne una e raggiungerla, ma la cosa importante è resettare subito e pensare allo Spezia, contro una squadra che deve trovare punti per salvarsi. La vittoria di questa sera ci regala grande entusiasmo”.

Il tecnico elogia la testa della sua squadra, tornata cannibale.

Stiamo bene di testa, fisicamente stiamo bene ma non abbiamo molto di più degli avversari. Siamo tornati ad avere una testa molto compatta e convinta nel momento decisivo del campionato e abbiamo un’attenzione molto alta e commettiamo pochi errori in questo momento”.

E intanto la Dea ha un’arma in più per il finale: un ritrovato Duvan Zapata.

Per noi – ha ricordato Gasp – Zapata è un giocatore straordinario, lo è stato in questi anni e lo è stato stasera non solo per il gol ma come riferimento, nel gli appoggi, nel difendere la palla, grazie a lui si avvantaggiano tutti i giocatori. È un ragazzo straordinario, ha lavorato sempre con il massimo impegno per tornare dopo gli infortuni. Sono molto contento per lui perché se lo merita come giocatore e come persona. Ma io mi aspetto tanto anche da Muriel, perché lo conosco bene, da Lookman che sta recuperando e da Boga che nel finale è cresciuto”, ha chiosato Gasp.

Gasperini ha elogiato la sua squadra per l’atteggiamento e la reazione al pareggio del Torino, che ha portato al grande gol di Zapata (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Semifinale di Europa League a un passo

Eugenio Sorrentino |
17 Aprile 2024
“L’Atalanta gioca in tre competizioni e ci auguriamo che continui ad essere impegnata su tre fronti il mese di maggio”. Non è stato l’incipit di Gi...

La Dea domina e spreca rimontata dal Verona

Eugenio Sorrentino |
15 Aprile 2024
Un punto invece di tre. L’Atalanta spreca quanto di buono fatto nella prima parte di gara, con una prestazione degna di quanto visto a Liverpool in...

Gasperini non cerca alibi ma sprona ad andare a...

Fabrizio Carcano |
15 Aprile 2024
Giocando tante partite ravvicinate qualcosa si lascia per strada, qualche punto si perde per strada. Gian Piero Gasperini non gira intorno ai disco...