Giovani armeni sulle orme di Mkhitaryan

Redazione |

Il centrocampista Henrikh Mkhitaryan, in procinto di lasciare Roma per indossare la maglia dell’Inter, è il primo e finora unico armeno ad avere giocato in serie A. Con il suo arrivo annunciato a Milano, saranno 51 le nazionalità di calciatori nei 114 anni di storia dell’Inter. Tuttavia, alle spalle di colui che è considerato la migliore espressione del calcio armeno, ci sono giovani promesse che i club italiani stanno valutando. Due di essi, Albert Gareginyan (attaccante, classe 2008) e Andranik Hakobyan (difensore centrale, classe 2007) sono rispettivamente nelle nazionali U14 e U15 dell’Armenia (Hakobyan indossa la fascia di capitano). Entrambi, accompagnati dall’allenatore Manvel Ayrapetyan, fondatore della Lena Academy a Bergamo, sono stati visionati da club italiani, Atalanta e Sampdoria. Di loro mister Ayrapetyan dice un gran bene e prevede per loro un avvenire promettente nel mondo del calcio. Gareginyan è un mancino talentuoso, abituato a saltare l’avversario. Hakobyan è dotato di grande tecnica e fisicità e interpreta il ruolo di difensore centrale in senso moderno.

Il 14enne attaccante Albert Gareginyan con la maglia nr 17 (credits: Lena Academy)

Il difensore Andranik Hakobyan con la maglia numero 5 (credits: Lena Academy)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

AlbinoLeffe torna la sindrome dello Stadium

Giulia Piazzalunga |
27 Novembre 2022
All’AlbinoLeffe Stadium si è giocato sotto i riflettori, ma non si è accesa la luce della squadra bluceleste che ha lasciato i tre punti alla Pro P...

Maehle salva due volte ma Danimarca ko

Eugenio Sorrentino |
26 Novembre 2022
Nel match che ha visto la Danimarca cedere ai campioni del mondo in carica della Francia, l’atalantino Joakim Maehle non ha offerto una prestazione...

Staffetta Koopmeiners-De Roon nel pari Orange c...

Fabrizio Carcano |
25 Novembre 2022
Nell’Olanda che fatica a pareggiare 1-1 con l’Ecuador non brillano i due atalantini Teun Koopmeiners e Marten De Roon, peraltro protagonisti di una...