Hien un corazziere sull’asse Verona-Bergamo

Fabrizio Carcano |

Il profilo su cui si stanno catalizzando le attenzioni della dirigenza nerazzurra per rinforzare e ringiovanire la difesa sembra essere quello di Isak Hien, svedese classe 99, rivelazione stagionale con il Verona, protagonista con 29 presenze nella clamorosa salvezza dei veneti. Fisico da corazziere, 191 centimetri, buona tecnica seppur da affinare tatticamente, grintoso ed energico, collezionista di cartellini gialli (difetto da limare), Hien a 24 anni è in quel limbo tra giocatore già pronto per la serie A e giocatore con potenzialità ancora da esprimere (potenzialità che un tecnico come Gasperini potrebbe sviluppare) per diventare un calciatore da coppe europee. L’Atalanta sta dialogando da tempo con il Verona, club con cui da anni c’è un prolifico rapporto di prestiti e cessioni: dal 2018 sono andati in gialloblù Radunovic, Colley, Sutalo, Pessina, Tameze, Piccoli e Cortinovis, da Verona è arrivato Lovato.

Senza dimenticare il direttore sportivo nerazzurro Tony D’Amico, fino a 12 mesi fa in riva all’Adige. Il Verona la scorsa estate ha acquistato Hien per 4,5 milioni dal Djurgarden e adesso lo venderebbe al doppio, sui 9 milioni più bonus futuri, ma nella trattativa per lo scandinavo probabilmente potrebbe essere inserito un prestito di un giocatore in esubero, come Nadir Zortea. Ci sono già stati contatti anche con il giocatore, tramite il suo agente, e il ragazzo ovviamente avrebbe già dato il suo assenso a venire a Bergamo. La trattativa, però, è ancora in stand by, perché il Verona deve prima chiudere la complicata pratica del nuovo allenatore: solo dopo averlo firmato inizierà il mercato degli scaligeri. Ma l’Atalanta è in pole position per prendere Hien, pur monitorando nel ruolo anche altri profili, come il 25enne centrale olandese Sam Beukema dell’AZ 67 Alkmaar. Hien però ha già dimostrato di saper giocare nel nostro campionato, specializzandosi in marcature ad alto rischio sui centravanti avversari, con l’anticipo come suo pezzo forte. Dovrebbe essere lui il rimpiazzo per Merih Demiral, che ha tante offerte ma vuole restare in Italia e spera di accasarsi (difficile) all’Inter. E poi ci sarebbe in uscita anche Caleb Okoli nel mirino del Monza come Giorgio Cittadini. La settimana prossima potrebbe essere decisiva per Hien, anche se la Dea non ha urgenza di chiudere l’affare e continua a guardarsi intorno.

Un contrasto tra Hien e Hojlund nel corso di Atalanta-Verona del 20 maggio scorso (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Con il Verona al Gewiss Stadium per riprendere ...

Eugenio Sorrentino |
14 Aprile 2024
Tocca all’Atalanta chiudere il programma del 32° turno di campionato, lunedì 15 aprile alle 20:45, avversario il pericolante Verona, 72 ore prima d...

Padova si conferma bestia nera della U23

Fabrizio Carcano |
13 Aprile 2024
Il Padova si conferma bestia nera per l’Atalanta under23 (in generale in difficoltà con tutte le squadre venete, Vicenza, Arzignano, Legnago e Virt...

La Dea di Liverpool incarna il calcio ben giocato

Federica Sorrentino |
12 Aprile 2024
La voglia di stupire, in casa Atalanta, non è mai mancata. Il mondo del pallone con i suoi osservatori previlegiati dovrebbe esserci abituato e inv...