I vantaggi della vetrina calcistica continentale

Fabio Gennari |

Che giocare la Champions, l’Europa o la Conference League sia diverso in termini economici e di prestigio è chiaro a tutti. Nelle pieghe delle tre coppe europee, tuttavia, ci sono una serie di dettagli più o meno evidenti che raccontano storie diverse, approcci completamente opposti e strategie (di mercato e non solo) che spaziano veramente in un perimetro estremamente vasto. I cui contorni sono difficili da dipingere. Al netto dei punti che serviranno, ecco le differenze che si possono evidenziare per una Dea che ha ancora tutte le opzioni a disposizione.

Giocare la Champions sarebbe qualcosa di clamoroso, per riuscirci servono incroci importanti con le sfide dell’Inter (scontro diretto sabato e poi trasferta a Torino per i meneghini) e del Milan (Juventus in trasferta e Verona a Milano). È dura, certo, ma questo traguardo porterebbe soldi (almeno 50 milioni), la conferma praticamente scontata di Gasperini e un mercato da affrontare con un piglio completamente diverso sia per i giocatori che già sono a Bergamo che per quelli da andare ad acquistare. Koopmeiners docet.

Agguantare l’Europa o la Conference League, cambia il volte del mercato che si potrebbe fare almeno sul piano delle motivazioni da offrire a chi viene (il fascino della Champions League è indubbio) ma anche a chi è già a Bergamo. Sul piano degli investimenti, la società ha già dimostrato nel 2022 che la volontà di spendere per fare grande la Dea c’è (oltre 100 milioni messi sul piatto) e si racconta di come i soci americani e la famiglia Percassi abbiano in programma di continuare con questo programma e provare ad inserire altri elementi giovani ma di valore. Giocare in Europa o Conference League, anche per ragazzi di proprietà come i vari Ruggeri, Okoli, Soppy e Cambiaghi (solo per fare esempi di elementi top come Hojlund e Lookman), significherebbe potersi misurare in un contesto molto importante che a livello europeo forma da anni giocatori di livello. La Conference League, in ultima analisi, è una competizione che ha dimostrato come un buon gruppo (la Fiorentina è in finale ma l’ha vinta prima una Roma tutt’altro che stellare) può arrivare in fondo e provare a fare qualcosa che, per l’Atalanta, sarebbe storico. 

La gara di ritorno dei quarti di Europa League, disputata il 14 aprile 2022 al Gewiss Stadium con il Lipsia, ultima partita ufficiale a livello continentale dell’Atalanta (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Il rientro dell'Atalanta da Dublino tra due ali...

Redazione |
23 Maggio 2024
All’aeroporto di Bergamo, al rientro dell’Atalanta da Dublino, il primo atto della festa, che si preannuncia lunga e partecipata. Nelle prime del p...

La girandola di emozioni dei calciatori dell'At...

Federica Sorrentino |
22 Maggio 2024
Il 22 maggio resterà una data scolpita nell’agenda della vita di ognuno dei calciatori che Gasperini ha forgiato, costruendo una squadra da sogno. ...

L'Europa League all'Atalanta vittoria del merito

Eugenio Sorrentino |
22 Maggio 2024
La sollevano in tre la coppa. Djimsiti, in campo con la fascia di capitano, insieme ai due capitani di lungo corso Toloi e de Roon. Poi passata a G...