Il bambino e la maglia della Dea

Federica Sorrentino |

Indossare la maglia della squadra del cuore può essere una colpa? O addirittura pericoloso? E per di più se la taglia è quella di un bambino? Il codice della sicurezza negli stadi, fino a poco tempo fa svuotati della cornice del pubblico e trasformati in una landa desolata, impone di non vestirsi dei colori della propria passione calcistica? A San Siro, stando alla testimonianza di un genitore, pare sia accaduto. L’aspetto paradossale della vicenda è che padre e figlio spettatori indossavano rispettivamente le maglie delle due contendenti, lui quella del Milan e il piccolo dell’Atalanta. Un esempio educativo di forma di rispetto, che andrebbe incoraggiato sempre. Invece, l’avvertimento dello steward suggerisce al bambino di svestire ciò che ha più a cuore per non correre il rischio di essere menato. Qualcuno potrebbe dire che da qualche altra parte i bambini sono costretti a fuggire dalla guerra, non sempre riuscendovi. Ma è proprio questo che non vogliamo: trasformare una partita di calcio in una contesa bellica.

Un bambino con la maglia dell’Atalanta presente allo stadio di San Siro (Ph: Alberto Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Il dono speciale di Antonino Lollo

Federica Sorrentino |
26 Ottobre 2022
È assai frequente che un calciatore doni la sua maglia a un piccolo tifoso. Negli altri sport non sempre i riflettori sono accesi, ma i gesti simil...

Felice Gimondi una storia per sempre

Federica Sorrentino |
29 Settembre 2022
Nel giorno in cui Felice Gimondi avrebbe compiuto ottant’anni, il 29 settembre, la natia Sedrina gli dedica una targa in oratorio nel corso di una ...

Sofia Raffaeli nella leggenda della Ritmica

Federica Sorrentino |
14 Settembre 2022
Tante generazioni di giovanissime atlete di ginnastica ritmica si sono ispirate negli anni alle farfalle azzurre, che a cavallo degli ultimi due de...