Il PalaFacchetti violato da Urania

Simone Fornoni |

Dopo sette fette succulente nella cucina di casa, la polenta se la sbafa l’Urania Milano, squadra di bassa classifica strabattuta all’andata (90-69) nella prima delle sole tre imprese corsare (a Biella e Torino). Per la Blu Basket Treviglio, reduce dalla scoppola di Udine in emergenza, stavolta sotto ritmo e dalle scelte infelici, non è bastato aggrapparsi a un cuoco comunque non da manicaretti a sfornate continue (17 e 6 rimbalzi, ma 0/4 dalla lunga) come Sollazzo per mantenere l’imbattibilità al PalaFacchetti. Un 68-73 (20-17, 21-23, 11-20, 16-13) senza Reati per la quarta di fila, con Lupusor a intermittenza, 5 compreso il 18-14 dal dispari della fuga bidone e il semigancio dell’ultimissimo avvicinamento (59-60) nella passerella finale per poi assistere al dentro e fuori sul possibile 62-62 a 6’30” dal gong, più un Sacchetti post covid arrugginito (2 liberi e 4 tabelloni).

Vince Nikolic (7+8, ma 2/12), ex al pari di coach Carrea e di un Langston (10+8) stretto nel pitturato fra Paci (6+9) e Piunti (2+5). Affossato da soluzioni estemporanee, senza giochi, dalle transizioni faticose e da percentuali traballanti (22 su 56 di cui 7 su 23 dall’arco), al Gruppo Mascio non è stato sufficiente farsi tenere in piedi dal sostituto di Potts. Vedi doppia cifra raggiunta in lunetta sulla sirena corta, assist al suo centro e recupero più canestro per ridurre il massimo svantaggio nel terzo periodo sotto le crivellate di Montano, 22 con poker di triple, tris nella seconda decade e altra sfuriata nella terza (41-48 subito) accompagnata verso la mezzora dal risveglio di Thomas (16+8; Bossi e Cipolla 4, Portannese 12) che allunga sul 60-50 in tutte le maniere possibili.

Di qua, le tre bombe (su una dozzina di alzate di polso totali) di Miaschi (12), frontale da 8 metri per il 9-9 allo start ma pure quattro sanguinose palle perse, hanno fatto da contorno, riportandola a tiro sul 63-67 a meno di altrettanti giri di lancetta dai titoli di coda e in seguito pareggiandola a 67. Lo stesso dicasi del 13 di Rodriguez, regista da due missiletti e zero servizi smarcanti contro la cinquina dell’ala piccola di turno. Poca roba anche dai 2, 3 e 4 di Bogliardi (pari sul 22), Venuto (34-35 dall’angolo mancino) e D’Almeida, perdendo 41-37 la lotta sotto le plance. Poco convincenti anche gli abbozzi di zone press 2-2-1 alternati alla difesa a uomo. Ora il record è di 10-6, col vertice un po’ più diatante; settimana prossima, trittico con Capo d’Orlando, Mantova da ricevere giovedì 17 e i lanieri piemontesi domenica 20.

Langston in azione nel match tra Blu Basket Treviglio e Udine (credits: ufficio stampa Blu Basket)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

BB14 terzo ko consecutivo

Fabrizio Carcano |
4 Febbraio 2023
Un’altra sconfitta per il Bergamo Basket 2014, battuta in casa per 69-84 da Bernareggio e in caduta libera con tre sconfitte consecutive, con otto ...

Edelweiss Albino continua la striscia positiva

Luciano Locatelli |
4 Febbraio 2023
Vittoria e partita combattuta per la Edelweiss Playing For Bergamo Albino che, priva di due sue giocatrici importanti, riesce comunque ad imporsi p...

Blu Basket sbanca Milano con lo show degli esterni

Redazione |
4 Febbraio 2023
La Gruppo Mascio Blu Basket conduce e in porto la gara con l’Urania Milano battendo i milanesi 84-72. Gli esterni biancoblù protagonisti del ...