Juan Musso e il valore dell’alternanza tra i pali

Fabrizio Carcano |

L’Atalanta, che dal 30 marzo al 26 maggio dovrà giocare ogni quattro giorni, da un minimo di 14 fino ad un massimo di 18 partite, può contare su due portieri alternabili a seconda delle partite e delle competizioni. Il dualismo annunciato fin dallo scorso luglio, gestito con l’alternanza da settembre a inizio dicembre e poi puntando solo su Marco Carnesecchi per tre mesi, ora sta funzionando. Per merito di tutti gli attori protagonisti. Della società che, soprattutto durante il mercato invernale, ha tenuto compatto il terreno, evitando malumori di Juan Musso, che eppure era in cerca di una collocazione all’estero. Brava la dirigenza a tenerlo a Bergamo, bravo il tecnico Gasperini a tenerlo caldo, motivandolo, anche se il suo momento sembrava non dovesse arrivare mai. Bravo Musso, a sua volta, che con esperienza e professionalità ha saputo restare sul pezzo, allenandosi al massimo, facendosi trovare pronto quando è stato chiamato in causa. Fuori tre mesi l’argentino, dalla gara vinta contro il Milan il 9 dicembre fino all’Alvalade di Lisbona il 5 marzo. Dove Musso è tornato protagonista, con una buona prestazione a Lisbona e una prestazione decisiva nel ritorno al Gewiss Stadium, dove nel finale ha salvato almeno due volte la porta evitando i rischiosi supplementari. Ora, ragionevolmente, Musso dovrebbe giocare le due sfide europee contro il Liverpool e poi l’eventuale semifinale. Ma Gasp, sfruttando l’alternanza, potrebbe schierarlo anche nella doppia semifinale di Coppa Italia contro la Fiorentina: letteralmente Carnesecchi in campo la domenica in serie A, per 10 partite, e Musso in campo il giovedì sera nelle rimanenti gare infrasettimanali. Non è da escludere come scenario. In ogni caso, l’Atalanta ora è l’unica squadra delle prime sei squadre della serie A ad avere davvero due portieri intercambiabili di partita in partita. Non è poco dovendo giocare ogni quattro giorni.

Juan Musso è tornato protagonista nella gara di Europa League allo stadio Alvalade di Lisbona lo scorso 5 marzo (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Europa League e Coppa Italia tutto è possibile

Fabrizio Carcano |
19 Aprile 2024
Davide vestito di nerazzurro sta battendo i giganti Golia delle metropoli del calcio internazionale. L’Atalanta vuole portare la provincia sul tron...

Atalanta in semifinale e Liverpool salva l'onore

Eugenio Sorrentino |
18 Aprile 2024
Al Gewiss Stadium, l’Atalanta ha riscritto la sua storia e aggiunto un nuovo, straordinario capitolo a quella del calcio italiano. Vola in semifina...

Gasperini la sconfitta più bella della sua carr...

Fabrizio Carcano |
18 Aprile 2024
“Abbiamo messo in campo tutti i valori dell’Atalanta, tutti i valori di Bergamo, a cominciare dalla maglia sudata. E tutte le nostre qualità. È bel...