Koopmeiners uomo ovunque e valore triplicato

Fabrizio Carcano |

Per raccontare l’evoluzione tecnica e la maturazione di Teun Koopmeiners bastano i suoi numeri nel biennio atalantino: 4 gol e un assist in 30 partite di serie A lo scorso anno, con un minutaggio ridotto per via della presenza di Remo Freuler, con appena 2125 minuti a disposizione dell’olandese. Che quest’anno, promosso a titolare dopo la cessione del metronomo svizzero al Nottingham Forest, ha avuto un netto aumento dell’utilizzo con 33 partite disputate (ne ha saltata una per squalifica e quattro per un infortunio muscolare subìto contro l’Udinese) e 2860 minuti, triplicando i suoi numeri prestazionali, con 10 gol (con due triplette casalinghe contro Torino e Monza) e 4 assist.

Koopmeiners protagonista in ben 14 azioni da gol, come finalizzatore o suggeritore: sarebbero stati 11 i gol senza un errore dal dischetto a ottobre a Empoli. Numeri quasi triplicati da un anno all’anno e valore di mercato triplicato dal suo arrivo a Bergamo, nel settembre 2021, acquistato per 15 milioni dopo una lunghissima trattativa con l’AZ 67 Alkmaar. Oggi ne vale 45 di milioni, forse anche di più perché la vetrina della nazionale olandese (con cui ha disputato il Mondiale in Qatar arrivando fino ai quarti di finale persi ai rigori contro l’Argentina) potrebbe aumentarne ulteriormente le quotazioni.

Dietro alla crescita di Koopmeiners c’è la mano sapiente di Gasperini che lo scorso anno lo ha utilizzato da centrocampista alto dietro le punte e quest’anno lo ha abbassato in mediana, affiancandolo al connazionale Marten De Roon, come regista davanti alla difesa, pronto a innescare la manovra offensiva con la sua verticalità.

Giocatore totale Koopmeiners, grazie anche al suo atletismo, e soprattutto duttile: contro il Monza si è costruito la prima rete da rapace d’area, smarcandosi di testa (alla Hojlund) ed elevandosi sopra Caldirola che lo marcava, poi si è ‘maradonizzato’ con una seconda rete con scambi e dribbling (rete alla Muriel) e con quella perla della sciabolata da centrocampo a ricordare la prodezza balistica di Ilicic a Torino nel gennaio 2020. Giocatore ovunque Koopmeiners. Per questo lo vorrebbero tutte le big inglesi e il Napoli campione d’Italia.

Teun Koopmeiners è arrivato a quota 14 gol nel primo biennio con la maglia dell’Atalanta (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Il rientro dell'Atalanta da Dublino tra due ali...

Redazione |
23 Maggio 2024
All’aeroporto di Bergamo, al rientro dell’Atalanta da Dublino, il primo atto della festa, che si preannuncia lunga e partecipata. Nelle prime del p...

La girandola di emozioni dei calciatori dell'At...

Federica Sorrentino |
22 Maggio 2024
Il 22 maggio resterà una data scolpita nell’agenda della vita di ognuno dei calciatori che Gasperini ha forgiato, costruendo una squadra da sogno. ...

L'Europa League all'Atalanta vittoria del merito

Eugenio Sorrentino |
22 Maggio 2024
La sollevano in tre la coppa. Djimsiti, in campo con la fascia di capitano, insieme ai due capitani di lungo corso Toloi e de Roon. Poi passata a G...