La cooperativa del gol punta di forza della Dea

Fabio Gennari |

Con El Bila Touré che ha bagnato l’esordio assoluto in serie A con la rete del 4-1 in casa del Genoa, i marcatori stagionali dell’Atalanta salgono a 14 in campionato e 18 in tutte le competizioni. Un risultato che spiega molto bene il momento dei nerazzurri, la capacità di un gruppo di essere decisivo con una profondità che incide tantissimo sull’autostima e sulla capacità di prendersi delle responsabilità anche in diverse zone del campo rispetto a quella di competenza.
La storia di Gasperini a Bergamo, sotto questo aspetto, è molto chiara. Con 701 reti segnate in 362 partite di tutte le competizioni la squadra nerazzurra è da sempre, con il mister di Grugliasco in panchina, un autentico spot per il calcio. Sono arrivate goleade in tutte le competizioni, segnare 4 reti è quasi una normalità se si considera che è già accaduto 48 volte di contare sul tabellino un poker di gol o pure qualcosa di ancora più sostanzioso. E si è verificato in tutte le competizioni, Champions League compresa. 
Dicevamo dei marcatori diversi, una forza nemmeno troppo nascosta del Gasp-pensiero se si considera che ci sono stati anche bomber che al gol si sono spesso fatti valere. Zapata e Muriel sono ormai parte del passato, Gomez e Ilicic pure ma in gruppo ci sono ancora elementi come Pasalic (48 reti con la Dea) con numeri importanti e altri che stanno crescendo vertiginosamente. Dall’inizio o a gara in corso, l’Atalanta trova gol importanti e con grande continuità da diversi suoi elementi, il segnale di maturità è evidente e si traduce in una classifica che vede la Dea al quarto posto con il terzo attacco della serie A (44 reti in 23 partite giocate), la quarta difesa (23 gol incassati) e una dose di autostima che cresce sempre di più. Il motivo? Semplice: a Marassi i bergamaschi hanno vinto senza Ederson e Lookman, due giocatori che dal Sassuolo saranno nuovamente a disposizione e aumenteranno in modo netto le possibilità di scelta. Ci aspettano settimane intense da guardare con tanta, tantissima fiducia. 

Passato e presente dell’Atalanta: Malinovskyi osserva Touré colpire di testa (Ph: Alberto Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Atalanta U16 campione d’Italia per la prima volta

Federica Sorrentino |
22 Giugno 2024
L’Atalanta Under 16 ha conquistato il titolo italiano battendo il rimonta il Milan 3-2  stadio Riviera delle Palme di San Benedetto del Tronto. E’ ...

Kolasinac il gladiatore è l’uomo in più di Gasp...

Fabrizio Carcano |
22 Giugno 2024
Il riposo del guerriero. Meritato. Rigenerante. Terapeutico. Sead Kolasinac, 31 anni compiuti giovedì 20 giugno, sta guardando gli Europei da spett...

Esordio europeo nel Friendly Match con l'AZ Alk...

Federica Sorrentino |
20 Giugno 2024
L’Atalanta ha scelto un esordio europeo con i fiocchi prima di giocare il match valido per la Supercoppa continentale con il Real Madrid alla vigil...