La cooperativa del gol punta di forza della Dea

Fabio Gennari |

Con El Bila Touré che ha bagnato l’esordio assoluto in serie A con la rete del 4-1 in casa del Genoa, i marcatori stagionali dell’Atalanta salgono a 14 in campionato e 18 in tutte le competizioni. Un risultato che spiega molto bene il momento dei nerazzurri, la capacità di un gruppo di essere decisivo con una profondità che incide tantissimo sull’autostima e sulla capacità di prendersi delle responsabilità anche in diverse zone del campo rispetto a quella di competenza.
La storia di Gasperini a Bergamo, sotto questo aspetto, è molto chiara. Con 701 reti segnate in 362 partite di tutte le competizioni la squadra nerazzurra è da sempre, con il mister di Grugliasco in panchina, un autentico spot per il calcio. Sono arrivate goleade in tutte le competizioni, segnare 4 reti è quasi una normalità se si considera che è già accaduto 48 volte di contare sul tabellino un poker di gol o pure qualcosa di ancora più sostanzioso. E si è verificato in tutte le competizioni, Champions League compresa. 
Dicevamo dei marcatori diversi, una forza nemmeno troppo nascosta del Gasp-pensiero se si considera che ci sono stati anche bomber che al gol si sono spesso fatti valere. Zapata e Muriel sono ormai parte del passato, Gomez e Ilicic pure ma in gruppo ci sono ancora elementi come Pasalic (48 reti con la Dea) con numeri importanti e altri che stanno crescendo vertiginosamente. Dall’inizio o a gara in corso, l’Atalanta trova gol importanti e con grande continuità da diversi suoi elementi, il segnale di maturità è evidente e si traduce in una classifica che vede la Dea al quarto posto con il terzo attacco della serie A (44 reti in 23 partite giocate), la quarta difesa (23 gol incassati) e una dose di autostima che cresce sempre di più. Il motivo? Semplice: a Marassi i bergamaschi hanno vinto senza Ederson e Lookman, due giocatori che dal Sassuolo saranno nuovamente a disposizione e aumenteranno in modo netto le possibilità di scelta. Ci aspettano settimane intense da guardare con tanta, tantissima fiducia. 

Passato e presente dell’Atalanta: Malinovskyi osserva Touré colpire di testa (Ph: Alberto Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

La Scuola allo Stadio verso quota 30mila studenti

Federica Sorrentino |
20 Febbraio 2024
Educare i giovani alla cultura del calcio, abituandoli a vivere all’insegna del fair play e della convivenza civile lo spettacolo dello sport, cont...

A San Siro con il Milan tanti ex ma non Caldara

Fabrizio Carcano |
20 Febbraio 2024
Nella sfida stellare di domenica sera al Meazza gli ex saranno probabilmente solo nella metà campo nerazzurri: De Ketelaere e Pasalic. Dall’altra p...

Nell’Atalanta segnano tutti in attesa di de Roon

Fabio Gennari |
19 Febbraio 2024
Sono sempre i numeri a dare forma ai sogni. Parlando di calcio, normalmente riguardano i gol segnati ma anche un paio delle declinazioni più intere...