La Dea di Liverpool incarna il calcio ben giocato

Federica Sorrentino |

La voglia di stupire, in casa Atalanta, non è mai mancata. Il mondo del pallone con i suoi osservatori previlegiati dovrebbe esserci abituato e invece ci si continua a stupire su come, dal cilindro magico di Gasperini, escano nuovi capitoli di quel calcio coraggioso e determinato capace di unire l’Italia. Certo, le prove sottotono di Firenze in Coppa Italia e Cagliari in campionato avevano fatto scattare qualche campanello d’allarme, al punto che pure l’arretramento di de Roon in difesa a causa della indisponibilità di Kolasinac potevano fare avanzare qualche timore rispetto alla preannunciata e temuta forza d’urto del Liverpool. Invece, gli undici di Gasperini hanno svolto un compito tatticamente perfetto, producendosi nelle giocate più semplici ed efficaci e permettendo di smorzare e finanche disorientare la squadra di Klopp, fino a colpire con chi ha voglia di crescere e chi invece di confermarsi. Il calcio espresso dell’Atalanta è da amare perché non è fatto di melina e gente che si accontenta. Secondo il principio che la migliore difesa è l’attacco, sempre che naturalmente non si abbassino né il ritmo né la guardia, né tantomeno venga smarrita quella lucidità vista negli occhi della mezza squadra costantemente presente nella metà campo inglese e dell’altra metà in cui tutti erano pronti a sganciarsi e sostenere la spinta in avanti. Che il Liverpool, benché messo in difficoltà, non abbia rinunciato ad offendere lo dimostra quanto Musso abbia neutralizzato con bravura e sicurezza. E tra i pali, in questa stagione, è stato confezionato un altro capolavoro, con il portiere argentino che ha bene accettato di lasciare al giovane Carnesecchi i guantoni nelle gare nazionali e si è fatto trovare pronto sulla scena europea. Dove arriverà l’Atalanta lo vedremo e sapremo di partita in partita. Ma questa Atalanta, oltre a scrivere la storia, incarna e rigenera lo spirito di Bergamo e della sua gente. Il cui seguito è solo la punta dell’iceberg di una passione autentica.

De Roon abbraccia Scamacca, eletto “man of the match” (credits: atalanta.it)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Il rientro dell'Atalanta da Dublino tra due ali...

Redazione |
23 Maggio 2024
All’aeroporto di Bergamo, al rientro dell’Atalanta da Dublino, il primo atto della festa, che si preannuncia lunga e partecipata. Nelle prime del p...

La girandola di emozioni dei calciatori dell'At...

Federica Sorrentino |
22 Maggio 2024
Il 22 maggio resterà una data scolpita nell’agenda della vita di ognuno dei calciatori che Gasperini ha forgiato, costruendo una squadra da sogno. ...

L'Europa League all'Atalanta vittoria del merito

Eugenio Sorrentino |
22 Maggio 2024
La sollevano in tre la coppa. Djimsiti, in campo con la fascia di capitano, insieme ai due capitani di lungo corso Toloi e de Roon. Poi passata a G...