La Dea passa a Cremona con la panchina d’oro

Eugenio Sorrentino |

Ci è voluto un cambio di passo deciso per avere ragione della Cremonese, ma i tre punti ottenuti dall’Atalanta pesano eccome. Il 3-1 con cui la squadra di Gasperini ha battuto i grigiorossi dimostra che le partite vanno studiate e interpretate per come evolvono. E ancora una volta l’allenatore ha fatto i cambi opportuni, ridisegnando la formazione conferendole le caratteristiche offensive giuste per andare a segno. Non lo ha fatto Zapata, che avrebbe voluto festeggiare i suoi 32 anni con il gol ma è stato autore dell’assist sporcato da un difensore che ha permesso a De Roon di portare in vantaggio la squadra. E non lo ha fatto neppure Hojlund, il cui ingresso in campo, dopo quello di Boga e Lookman, ha fatto decisamente la differenza. Con un’azione da vero incursione, il giovane attaccante danese ha servito a Boga la palla del nuovo vantaggio, salvo poi svirgolare quella da consegnare in fondo al sacco. Lookman, che si era visto negare il gol da Carnesecchi, atalantino in prestito, ha fatto centro in pieno recupero, ma il merito va ascritto a Boga, che ha rubato palla innescando l’azione che ha portato al 3-1. Muriel, pare ancora condizionato da qualche problema fisico, non ha fatto ciò che ci si aspettava. Neppure è stata la migliore giornata di Toloi, che ha rimediato il giallo per il tocco di mani in area che ha permesso alla Cremonese di pareggiare dagli undici metri, e dunque vedrà il match con il Bologna dalla tribuna. Ma vittoria e tre punti consentono all’Atalanta di restare incollata alla zona di classifica che vale l’accesso alle coppe europee.

Commento a Cremonese-Atalanta 1-3 a cura di Federica Sorrentino

LA CRONACA

Lasciati a casa Koopmeiners e Djimsiti, Gasperini schiera Pasalic alle spalle della coppia d’attacco colombiana Muriel-Zapata, affiancando Ederson a De Roon a centrocampo con Zappacosta e Ruggeri sulle fasce. Davanti a Musso giocano Toloi, Palomino e Scalvini. Modulo 3-5-2 per Ballardini, che deve rinunciare a Chiriches, Ferrari e Okereke e rivoluziona la formazione, schierando la coppia offensiva è composta da Tsadjout e Ciofani.

L’Atalanta inizia con Pasalic largo a destra e Muriel alla sinistra di Zapata, facendo girare palla ma senza trovare varchi in profondità. La Cremonese copre bene e nel primo quarto d’ora riesce pure ad affacciarsi dalle parti di Musso, che blocca le conclusioni di Maitè al 5’ e Benassi al 12’. Con il passare dei minuti la squadra di Gasperini dà l’impressione di prendere il controllo del gioco, ma viene puntualmente chiusa nei tentativi di attaccare l’area grigiorossa. La prima opportunità arriva al 25’ su azione da calcio d’angolo di Muriel, con Toloi che colpisce al volo sul primo palo e Ciofani che devia sul fondo. Troppo macchinosa la manovra dalla trequarti in su e anche prevedibile per poter sorprendere la retroguardia cremonese. A ciò si aggiunge un numero spropositato di palloni persi. Al 40’ una gomitata, punita con il giallo, di Pasalic a Castagnetti all’altezza della lunetta provoca un calcio di punizione che si trasforma in occasione di ripartenza, che Muriel non completa. Prima dell’intervallo, Zapata sfrutta la prima vera opportunità di uno contro uno scattando sulla destra e mettendo il pallone a centro area dove Aiwu tocca ma confeziona un assist per De Roon, il quale non sbaglia piazzando il pallone nell’angolo basso alla destra di Carnesecchi, immobile sulla linea di porta. Secondo e consecutivo gol stagionale per il centrocampista olandese, pochi giorni dopo il suo 32esimo compleanno. Gasperini, alla luce di quanto il campo ha detto nei primi 45 minuti, decide di cambiare la dorsale formata da Pasalic e Muriel inserendo Lookman e Boga con l’obiettivo di aumentare l’incisività in fase offensiva. Al calcio d’inizio del secondo tempo, Zapata cerca subito la soluzione personale con tiro ribattuto da Lochosvili. L’Atalanta aumenta il ritmo del gioco, salta più facilmente l’uomo e si affaccia pericolosamente verso la porta avversaria. Al 6’ Ederson imbecca Lookman in area e Carnesecchi in uscita nega il raddoppio. Un intervento decisivo, perché dal possibile 0-2 all’1-1 passano pochi minuti. Al 9’ una mezza girata di Ciofani finisce sul braccio tenuto alto da Toloi e l’arbitro assegna il calcio di rigore che lo stesso Ciofani trasforma spiazzando Musso. Toloi, ammonito nella circostanza, salterà il match con il Bologna. Al 14’ Hojlund avvicenda Zapata, che nel giorno del suo compleanno non è riuscito a segnare. Al 18’ Zappacosta prova il tiro a giro, ma la mira è alta, e dopo tre minuti lascia il campo per fare posto a Maehle. Cambia anche Ballardini che passa al 3-4-2-1. Al 27’ accende il motore Hojlund che va via in velocità sulla fascia destra, si lascia alle spalle Bianchetti e mette al centro area dove Boga deve solo spingere in rete. Al 34’ Toloi lascia anzitempo il campo per un colpo all’occhio sinistro, sostituito da Demiral. Ballardini manda in campo Buonaiuto e Ghiglione per Meitè e Castagnetti. L’Atalanta prova a chiuderla e non ci riesce incredibilmente al 44’ quando Hojlund, solo davanti alla porta, sbuccia la palla servitagli a centro area da De Roon. E’ invece Musso, in pieno recupero, a dover bloccare una incursione di Buonaiuto. Al 48’ Aiwu si fa soffiare palla da Boga, che allarga per Ederson, il cui assist permette a Lookman di tornare al gol.

CREMONESE-ATALANTA 1-3

Cremonese (3-5-2): Carnesecchi 6 Aiwu 4 Bianchetti 5 Lochosvili 6 (22’ st Vasquez 5.5) Castagnetti 6 (35’ st Ghiglione 5.5) Pickel 6 Meitè 5.5 (35’ st Buonaiuto 6) Benassi 6 (23’ st Dessers 5.5) Valeri 5.5 Tsadjout 5 Ciofani 6 (22’ st Galdames 5) . A disposizione: Saro, Sarr, Quagliata, Sernicola, Felix, Basso Ricci. Allenatore: Ballardini

Atalanta (3-4-1-2): Musso 6 Toloi 6 (34’s t Demiral 6) Palomino 6 Scalvini 6 Zappacosta 6 (21’ st Maehle 6) De Roon 7 Ederson 6.5 Ruggeri 6 Pasalic 5.5 (1’ st Boga 7) Muriel 5 (1’ st Lookman 6) Zapata 6 (14’ st Hojlund 7). A disposizione: Sportiello, Rossi, Okoli, Soppy. Allenatore: Gasperini

Arbitro: Marinelli 6 Assistenti: Scatragli e Laudato. IV Uomo: Miele. Var: Nasca AVar: Longo

Marcatori: pt 44’ De Roon; st 10’ Ciofani 27’ Boga 48’ Lookman

Ammoniti: Lochosvili, Pasalic, Toloi, Ciofani, Bianchetti

Recupero: 1, 5

L’esultanza di Boga, inseguito da Hojlund che gli ha servito l’assist per il 2-1 (Ph: Alberto Mariani)

Photogallery Cremonese-Atalanta 1-3 (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Atalanta U16 campione d’Italia per la prima volta

Federica Sorrentino |
22 Giugno 2024
L’Atalanta Under 16 ha conquistato il titolo italiano battendo il rimonta il Milan 3-2  stadio Riviera delle Palme di San Benedetto del Tronto. E’ ...

Kolasinac il gladiatore è l’uomo in più di Gasp...

Fabrizio Carcano |
22 Giugno 2024
Il riposo del guerriero. Meritato. Rigenerante. Terapeutico. Sead Kolasinac, 31 anni compiuti giovedì 20 giugno, sta guardando gli Europei da spett...

Esordio europeo nel Friendly Match con l'AZ Alk...

Federica Sorrentino |
20 Giugno 2024
L’Atalanta ha scelto un esordio europeo con i fiocchi prima di giocare il match valido per la Supercoppa continentale con il Real Madrid alla vigil...