La Dea può qualificarsi alla prossima Champions

Fabio Gennari |

Il peso del pareggio, grandioso, di Marsiglia e la possibilità di non farsi divorare dall’attesa in vista della gara di giovedì “grazie” ad una trasferta come quella di Salerno che, dopo Torino – Bologna 0-0 di ieri sera, è diventata ancora più importante nella corsa Champions. L’Atalanta di Gasperini non conosce sosta, il tecnico dei bergamaschi prepara insieme ai suoi ragazzi una gara diversa ogni 3 giorni, saltando da una competizione all’altra davvero senza soluzione di continuità. Ora nella mente di tutti c’è ancora Marsiglia – Atalanta, eppure a Salerno i bergamaschi si giocheranno una bella fetta di possibilità di andare in Champions League dal campionato che, alla luce dei risultati e degli scontri che attendono le altre, sono ancora molto alte. 
Il Bologna con il pareggio per 0-0 sul campo del Torino di ieri sera è salito a quota 64 punti con 3 partite ancora da giocare. Nei prossimi due turni i felsinei andranno dal Napoli, poi riceveranno in casa la Juventus e chiuderanno sul campo del Genoa. L’Atalanta (57 punti), deve giocare a Salerno e poi avrà lo scontro diretto con la Roma a Bergamo prima di affrontare Lecce fuori e Torino in casa in attesa di definire il recupero con la Fiorentina. Sono 3 partite per il Bologna contro le 5 che ancora attendono la Dea. I 7 punti di differenza, visti con questi occhi e considerando il livello e le motivazioni delle avversarie, assumono tutto un altro significato. 
Per la corsa Champions ci sono in gioco anche la Roma (59 punti) e la Lazio (55), tutte possono ancora pensare ad entrare nella nuova competizione europea che coinvolgerà 36 squadre da agosto in avanti ma è evidente, grazie all’aritmetica, che l’Atalanta ha possibilità importanti di farcela. Certo, con impegni tutti così importanti e ravvicinati, le difficoltà aumentano ma ormai non è tempo di fare calcoli, giusto andare in campo e fare il massimo perché al termine dello ostilità manca davvero troppo poco. Il confine tra storia e leggenda diventa sempre più piccolo e la Dea ha tra le mani qualcosa di incredibile. Inestimabile. Totalmente esaltante. 

L’esultanza dei giocatori atalantini dopo il successo con il Liverpool in Europa League (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

La Dea in Champions prima di volare a Dublino

Eugenio Sorrentino |
18 Maggio 2024
L’Atalanta incassa i tre punti auspicati allo stadio di Via del Mare e si assicura la qualificazione alla prossima Champions League. Per la vittori...

La quarta volta in Champions una carica in più

Fabrizio Carcano |
18 Maggio 2024
L’Atalanta rimanda la festa per la Champions alla prossima settimana. Prima ovviamente c’è la finale di Europa League diventata il vero obiettivo d...

U23 non basta il gol vittoria a Catania

Fabrizio Carcano |
18 Maggio 2024
Non è bastata una grande partita, ed una vittoria per 1-0 a Catania, all’Atalanta under23 per evitare l’eliminazione nel primo turno dei playoff na...