La Mille Miglia lega Bergamo e Brescia

Federica Sorrentino |

L’ultima tappa della Mille Miglia 2022, partita all’alba da Parma e proseguita con il passaggio a Pavia e all’autodromo di Monza (nel centenario del circuito con tanto di prova cronometrata), ha celebrato l’appuntamento con Bergamo Brescia Capitale della Cultura 2023. La Mercedes AMG 530 con a bordo i sindaci delle due città, Giorgio Gori e Emilio Del Bono i quali da Roma in sù hanno incontrato i primi cittadini dei centri attraversati dalla carovana di 425 auto, ha sostato davanti al teatro Donizetti prima di proseguire verso il traguardo finale della competizione in viale Venezia a Brescia. Si può dire che l’entusiasmo con cui la Mille Miglia è stata accolta nel capoluogo orobico ha pareggiato quello generato dall’onda di appassionati presenti sulle strade cittadine della Leonessa. Un’anteprima del connubio che legherà Bergamo e Brescia nel 2023. Dopo l’attore bergamasco Giorgio Pasotti, che ha fatto da apripista alla partenza da Brescia a bordo di una storica OM, in gara c’è stato anche l’imprenditore Alberto Bombassei, che ha guidato una Austin Healey 100 Le Mans del 1955.

Lungo il percorso, le auto storiche partecipanti alla competizione sono state precedute dal Ferrari Tribute e dalla 1000 Miglia Green, e seguite da 1000 Miglia Experience. Il trionfo dell’automobilismo in tutte le sue espressioni più belle.

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli hanno vinto la 1000
Miglia 2022. L’equipaggio numero 46, a bordo di Alfa Romeo 6C 1750 SS ZAGATO del 1929, fa il bis del successo ottenuto nell’edizione 2021. Per Vesco, primo anche nel 2020 a fianco di papà Roberto, c’è la doppia soddisfazione di aver sfatato un tabù che resisteva da 22 anni. Solo Giuliano Cané, tra il 1998 e il
2000, era riuscito a imporsi in tre edizioni consecutive della “corsa più bella del mondo”.
Al secondo posto, proprio come un anno fa, l’equipaggio numero 40 formato dai bergamaschi Andrea Luigi Belometti e Gianluca Bergomi su Lancia Lambda Spider Tipo 221 del 1929. Terzo gradino del podio per l’equipaggio numero 8 formato da Lorenzo e Mario Turelli su O.M. 665 S MM Superba 2000 del 1929.
A Silvia Marini e Irene Dei Tos, su Bugatti T40 del 1929, va invece la Coppa delle Dame.

Giorgio Gori e Emilio Del Bono al traguardo della Mille Miglia 2022 (credits: Mille Miglia)

Una delle OM Superba sul circuito di Monza (credits: Mille Miglia)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Ferrari SF-24 la 70a monoposto Rossa già in pista

Redazione |
13 Febbraio 2024
In diretta web da Fiorano è stata presentata la Ferrari SF-24, la settantesima monoposto costruita per il campionato del mondo di Formula 1. Allo s...

Brembo 70 titoli iridati vinti nel 2023

Redazione |
5 Dicembre 2023
70 i titoli mondiali vinti nelle principali categorie Racing a due e a quattro ruote. Il bilancio di Brembo nel 2023 ne conferma la leadership mond...

Bagnaia e Ducati mondiale bis MotoGP

Redazione |
26 Novembre 2023
Pecco Bagnaia si laurea campione del mondo della MotoGp per il seconda anno consecutiva. Il pilota della Ducati è stato certo della conquista del t...