L’Atalanta di Gasperini insegue quota 100

Fabio Gennari |

Ben 99 partite senza subire gol. Come direbbero gli inglesi, 99 “clean-sheet” per l’Atalanta di Gasperini. La terza vittoria della stagione ottenuta in Europa League contro il Rakow è stata anche la terza occasione in cui il portiere Musso ha tenuto la saracinesca abbassata. E si tratta di qualcosa che merita sempre una bella sottolineatura perché per una squadra che punta molto sull’attacco con Gasperini in panchina (650 gol segnati) è un gran risultato chiudere per 99 volte su 336 partite senza reti al passivo. Parliamo di quasi il 30% del totale. 
La prossima gara  con uno “0” alla casella dei gol incassati varrà quota 100, un altro grande risultato per mister Gasperini che ha cambiato portieri, ha cambiato difensori e in generale non ha praticamente mai mantenuto ossature di squadra per più tempo rispetto al volgere di una stagione eppure ha mantenuto il livello di un gruppo capace di fare gol ma anche di non prenderne. Il saldo totale infatti dice +241 reti nella differenza tra quelle fatte e quelle subite, le partite chiuse senza trovare la via del gol sono state 54 ovvero quasi la metà di quelle chiuse con la porta immacolata. Numeri davvero molto importanti che spiegano come i nerazzurri siano riusciti (tranne l’anno scorso) a qualificarsi per le competizioni europee con enorme continuità. Compresa la Champions League.
Raggiungere la tripla cifra di gare con lo “0” alla voce gol subiti permette anche di fare punti in quelle occasioni che non mettono in mostra una squadra capace di essere particolarmente prolifica in avanti. Per fortuna non capita molto spesso ma l’obiettivo, con Cagliari e Verona, è rimpinguare ancora questa statistica in modo da massimizzare gli sforzi in un momento che vede sia Scamacca che Tourè ai box nonostante un gruppo capace di viaggiare alla media di 2 reti a partita (10 in 5 sfide quelli segnati). Il mini-traguardo dei prossimi giorni è dunque questo, per fare punti che permettano di salire in classifica e continuare a macinare risultati positivi. In Italia e in Europa. 

Juan Musso ha mantenuto inviolata la porta contro il Rakow Czestochowa con un intervento decisivo in uscita su un avversario lanciato a rete (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

La Dea in Champions prima di volare a Dublino

Eugenio Sorrentino |
18 Maggio 2024
L’Atalanta incassa i tre punti auspicati allo stadio di Via del Mare e si assicura la qualificazione alla prossima Champions League. Per la vittori...

La quarta volta in Champions una carica in più

Fabrizio Carcano |
18 Maggio 2024
L’Atalanta rimanda la festa per la Champions alla prossima settimana. Prima ovviamente c’è la finale di Europa League diventata il vero obiettivo d...

U23 non basta il gol vittoria a Catania

Fabrizio Carcano |
18 Maggio 2024
Non è bastata una grande partita, ed una vittoria per 1-0 a Catania, all’Atalanta under23 per evitare l’eliminazione nel primo turno dei playoff na...