Lions BG trionfano nel Silver Bowl

Luciano Locatelli |

Dopo quattro anni i Lions Bergamo ritornano in prima divisione conquistando il Silver Bowl nella finalissima contro le Aquile Ferrara, imponendosi per 29-22 al termine di una partita combattuta e spettacolare. Allo stadio Mirabello di Reggio Emilia, si incontrano due squadre imbattute fino al Silver Bowl, due squadre che hanno disputato un campionato eccellente e pronte a darsi battaglia nello scontro decisivo.

Partono forte i Lions nel primo quarto, e dopo una fase di studio tra le due squadre i bergamaschi vanno a segno dopo ripetuti tentativi di Carminati e compagni. Allo scadere del primo periodo lungo drive concluso in touchdown da Luca Aldrighetti, dopo una spettacolare ricezione di Giovanni Zani su lancio di Carminati. Ci pensa poi Jakub Veber a trasformare e portare avanti i caschi oro per 7 a 0.

Secondo quarto di gara che vede le Aquile partire subito forte con un passaggio incompleto di Scaglia per Medini. I lions sono però in palla e intercettano con Matteo Russo un lancio di Scaglia e ripartono all’attacco. I caschi oro riprendono l’azione offensiva dalle 40 yard estensi e il raddoppio arriva poco dopo, con il touchdown di Jacopo Zanga su passaggio di Carminati. Ci pensa Veber poi a trasformare e portare il punteggio sul 14 a 0 per i bergamaschi.

Le Aquile non mollano e a tre minuti dalla fine del secondo quarto di rimettono in gioco, con Jacopo Bindini che intercetta Carminati e ferma l’avanzata dei Lions sulle loro 30 yard, consentendo a Scaglia di riprendere le manovre offensive per i ferraresi. Grazie ad una spettacolare ricezione di Bindini, Ferrara arriva a 4 yard dalla endzone, distanza dimezzata da un fallo difensivo. A meno di 2 minuti dalla pausa, le Aquile accorciano le distanze grazie ad un touchdown di Giacomo Ferrari su passaggio di Scaglia, la successiva trasformazione di Alberto Romagnoli porta il punteggio sul 14-7 all’intervallo.

Il terzo quarto di gioco inizia con le Aquile in attacco e un big play di Rezk Khalafalla che con una corsa porta i suoi vicino alla endzone. Sarà poi Francesco Sicignano a realizzare il nuovo touchdown con un’alta grande corsa direttamente in endzone. Romagnoli trasforma e porta in parità il risultato 14-14 al 22’ di gioco. Neanche il tempo di ripartire che alla prima azione offensiva, i Lions tornano in vantaggio con una corsa da 67 yard, Luca Aldrighetti realizza il nuovo touchdown! Veber ancora una volta è implacabile nella trasformazione e realizza il momentaneo 21 a 14.  Le Aquile, consapevoli della posta in palio, si affidano alla corsa di Romagnoli e Khalafalla per sbloccare la difesa dei Lions. Dopo un lungo drive offensivo, riescono a realizzare un nuovo touchdown con Matteo Medini sempre su passaggio di Scaglia. L’errore di Ferrari sulla successiva conversione tiene in vantaggio Lions 21-20. Quando mancano tre minuti al termine del terzo quarto, un errore difensivo nello snap per il punt di allontanamento provoca una safety (una sorta di auto meta) che porta in vantaggio i ferraresi al termine del terzo quarto 21-22.

Ultimo quarto che inizia ancora una volta con la difesa dei caschi oro in evidenza. Luca Aldrighetti, schierato anche in difesa, intercetta Scaglia e riporta i Lions in attacco e, dopo una pressione costante sulla difesa delle Aquile, i caschi oro riescono ad arrivare in red zone. Il touchdown decisivo arriva per opera di Carminati, che sorprende la difesa delle Aquile e porta il risultato sul 27 a 22, vantaggio che viene incrementato e fissato dal MVP della serata Luca Aldrighetti che che porta il punteggio sul definitivo 29 a 22 a 3 minuti dal termine. Ultimo disperato tentativo della Aquile che si buttano tutte all’attacco, ma la difesa dei Lions e la buona gestione della gara dello staff tecnico bergamasco, permettono di arrivare al termine con il risultato invariato. 

I Lions Bergamo vincono così il titolo della seconda divisione, dopo averci già provato lo scorso anno e si godono questo momento di festa in attesa delle decisioni sul futuro.

Così al termine della coach Sergio Coretti ai microfoni della Fidaf: “Siamo partiti bene, poi le Aquile hanno dimostrato il loro valore e ci hanno messo in difficoltà tanto che nell’intervallo ho dovuto spronare i miei ragazzi nello spogliatoio. Nella partita più importante abbiamo fatto molta fatica sui placcaggi in difesa che non ci era quasi mai capitato, poi però ci siamo ripresi e la voglia di non buttare alle ortiche tutto ha permesso di uscire alla fine. La nostra difesa già dall’anno scorso è la stata la nostra arma in più e ci ha permesso di controllare i loro giocatori che sono molto veloci e tecnici. Un plauso a tutti da Aldrighetti a Carminati e mi spiace tantissimo per Zani che si è rotto la clavicola. 

Contento anche un emozionatissimo il presidente Ambrogio Petrone, sempre ai microfoni della Fidaf: “E’ stata una bellissima partita, purtroppo si è rotto il nostro ricevitore Zani, sono contento del risultato perché è dall’anno scorso che ci portavamo questo groppo in gola e adesso è uscito. Adesso vediamo per l’anno prossimo, l’idea è quella di giocare in prima divisione ma bisogna valutare un po’ di cose”.

I Lions Bergamo festeggiamo la vittoria nel Silver Bowl che li promuove nella prima divisione (Fidaf)

Photogallery Lions Bergamo-Aquile Ferrara (credits: Giulio Busi/Fidaf)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Tamburello femminile comanda San Paolo d’Argon

Luciano Locatelli |
14 Aprile 2024
Una vittoria ed una sconfitta, questo il bilancio della terza giornata del campionato di serie A di Tamburello open femminile, il San Paolo d’Argon...

Arcene Tamburello scivola alla prima in casa

Luciano Locatelli |
14 Aprile 2024
Nella seconda giornata del massimo campionato maschile di tamburello open, l’Arcene perde la sua prima partita in casa, contro il Solferino con il ...

Da Persico Marine lo scafo di Luna Rossa per la...

Redazione |
13 Aprile 2024
A distanza di 25 anni dal varo della prima Luna Rossa (nel 1999), è sceso in acqua lo scafo di America’s Cup n.10 del challenger italiano: si tratt...