Lookman e Højlund il futuro è adesso 

Fabio Gennari |

Ademola Lookman è l’uomo copertina dell’Atalanta di Gasperini. Il bello è che dopo la sfida di Empoli, ben giocata e vinta con autorità dai nerazzurri, l’ex Leicester non è l’unico attaccante a prendersi la scena: chi mastica calcio e ama guardare la partite senza fermarsi al tabellino non può non aver notato la crescita, costante e continua, di Rasmus Hojlund. I due calciatori arrivati in estate per alzare il livello dell’attacco atalantino stanno facendo molto bene, chiaro che Lookman si prenda la copertina per quanto è decisivo ma anche il classe 2003 danese è sempre più sul pezzo. 
Fin da quando è arrivato in Italia, il classe 1997 nato in Inghilterra che gioca per la Nigeria ha fatto vedere di avere doti importanti. Gasperini, parlando di lui, aveva detto che gli dava l’impressione di uno che sa giocare a calcio ma che poteva fare di più quando si trattava di puntare la porta. Evidentemente il lavoro quotidiano a Zingonia sta pagando, il ragazzo ha segnato 5 gol, ha servito 3 assist per i compagni, ha procurato un’autorete (a Monza) e ha conquistato il rigore del 3-1 con il Torino: dei 18 gol fatti dall’Atalanta, ben 10 hanno il suo zampino. Una sentenza. 
Il compagno di reparto Hojlund a Empoli ha giocato da titolare dopo oltre 1 mese (non scendeva in campo nei primi 11 da Roma – Atalanta 0-1 del 18 settembre) e si è decisamente messo in mostra: l’assist in verticale per Ederson (che poi ha fallito 2 volte davanti a Vicario) è roba sua, la sgroppata da cui nasce il secondo gol anche ma in generale è la foga con cui va in campo che regala sempre grandi emozioni. Il fatto che nella Dea seconda in classifica ci siano sempre più spesso tra i protagonisti i nuovi acquisti (pure se molto giovani) conferma che l’Atalanta ha cambiato passo e sta cercando di accorciare i tempi del nuovo ciclo. Lookman e Hojlund rappresentano il futuro, questo non vuol dire che da qui in avanti giocheranno sempre loro da titolari ma considerarli come la prima scelta di Gasperini, per tanti motivi, sembra la scelta più logica e comprensibile. Soprattutto, risultati alla mano. 

Højlund dopo oltre un mese ha giocato da titolare a Empoli (credits: atalanta.it)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Europa League e Coppa Italia tutto è possibile

Fabrizio Carcano |
19 Aprile 2024
Davide vestito di nerazzurro sta battendo i giganti Golia delle metropoli del calcio internazionale. L’Atalanta vuole portare la provincia sul tron...

Atalanta in semifinale e Liverpool salva l'onore

Eugenio Sorrentino |
18 Aprile 2024
Al Gewiss Stadium, l’Atalanta ha riscritto la sua storia e aggiunto un nuovo, straordinario capitolo a quella del calcio italiano. Vola in semifina...

Gasperini la sconfitta più bella della sua carr...

Fabrizio Carcano |
18 Aprile 2024
“Abbiamo messo in campo tutti i valori dell’Atalanta, tutti i valori di Bergamo, a cominciare dalla maglia sudata. E tutte le nostre qualità. È bel...