Luca Percassi rimarca il binomio Atalanta Bergamo

Fabrizio Carcano |

“Bergamo è l’Atalanta e l’Atalanta è Bergamo. C’è una totale identificazione tra la squadra e il territorio e questa è la nostra forza”. Orgoglio e appartenenza. Luca Percassi, amministratore delegato nerazzurro, ai microfoni di Radio Serie A, l’emittente radiofonica della Lega Calcio in collaborazione con RDS, ha parlato a 360 gradi della Dea.

“Noi siamo una provinciale, siamo orgogliosi di esserlo, sappiamo cosa siamo e cosa non siamo. Bergamo è il contesto ideale per lavorare ed esprimerci al meglio. Abbiamo una tifoseria fantastica, che indipendentemente dal risultato conosce la nostra storia e la dimensione della nostra città, quando uno da’ il 100% all’Atalanta qui riceve sempre il massimo. L’Atalanta è parte integrante della nostra famiglia, è come un altro figlio per mio padre. Ogni giorno per me si apre e si chiude con una telefonata di mio padre, per sapere come vanno le cose e come è andata la giornata. Come famiglia Percassi ci piace dare fiducia alle persone che lavorano con noi, del resto la nostra storia parla chiaro: in 14 anni abbiamo avuto solo tre allenatori, Colantuono, Reja e ora Gasperini, con cui siamo all’ottavo anno, sono tutte storie molto belle. Siamo soddisfatti di quello che abbiamo fatto in questi 14 anni. La nostra storia, la nostra esperienza, è fatta di lavoro e per noi le persone che lavorano meritano sempre la nostra fiducia.”

Atalanta con ambizioni importanti,  ma sempre con i piedi per terra.

“Siamo nel pieno di una stagione entusiasmante, ci aspettano partite molto interessanti e viviamo l’Europa che come sempre è un’esperienza molto importante per noi”, ha sottolineato Luca Percassi. Aggiungendo: “I nostri obiettivi sono importanti, ma bisogna ragionare partita dopo partita. Non ci consideriamo al pari di altre big, ma siamo orgogliosi di quel che siamo e del nostro lavoro. Abbiamo dalla nostra un contesto ideale per lavorare al meglio. Gli acquisti di calciatori come Scamacca e De Ketelaere ci rendono orgogliosi. Abbiamo fatto investimenti importanti per cercare di competere, abbiamo delle qualità importanti che la società ha messo a disposizione dello staff tecnico, e qualcosa si è già visto: la nostra filosofia è quella di dare sempre il 100%, sapendo poi che la competizione ad alto livello è molto difficile.”

Chiosa sulla seconda squadra under23 in serie C: “Per una realtà come l’Atalanta ci sembrava una grande opportunità. Si tratta di uno step ulteriore rispetto alla Primavera. Siamo contenti del gruppo di lavoro assemblato dai nostri dirigenti Congerton, D’Amico e Gatti e del lavoro che sta facendo mister Modesto”.

Luca Percassi ha parlato a Radio Serie A, l’emittente radiofonica della Lega Calcio (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

La Dea si regala tre punti a Monza con rischio ...

Eugenio Sorrentino |
21 Aprile 2024
L’Atalanta è tornata corsara a due passi da casa, guadagnando i tre punti che mancavano dal match con il Napoli, ma stavolta a Monza la vittoria, b...

Gasperini sorride alla vittoria pesante per l’E...

Fabrizio Carcano |
21 Aprile 2024
Tre punti pesanti per l’Europa. Gian Piero Gasperini sorride dopo la vittoria per 2-1 a Monza guardando la classifica. “Sono tre punti fondamentali...

La U23 piega la Pro Sesto e blinda il quinto posto

Fabrizio Carcano |
20 Aprile 2024
Dopo aver conquistato i playoff domenica scorsa, con due giornate di anticipo, l’Atalanta under23, nell’ultima gara casalinga di campionato, ha bli...