Mattia Casse podio regale a Wengen

Federico Errante |

Un podio regale per Mattia Casse. Dopo quello in Val Gardena, il piemontese residente a Chiuduno si piazza terzo nella discesa di Wengen in Svizzera. Davanti a lui soltanto gli irraggiungibili Aleksander Kilde e Marco Odermatt. Ma anche stavolta il norvegese e lo svizzero, i maestosi duellanti in questa splendida annata, hanno ribadito d’essere d’un altro pianeta. Casse è dunque il primo degli “umani”? Pare proprio di sì. Il primo stampa un clamoroso 1.43.14, il secondo è l’unico a rimanere sotto 1″ di distacco (88/100), Mattia appena sopra (1.01). Un dato che racconta in maniera impeccabile la prestazione di Kilde che rosicchia ancora qualche punto ad un rivale che, al contrario del solito, fa un paio di sbavature che lo portano a perdere velocità in due punti-chiave del tracciato. Casse, dal canto suo, capitalizza al massimo il pettorale di partenza (il 3) e mette in pista una sciata solida e sostanzialmente continua, a riprova che anche la testa è quella dei giorni migliori e il podio in Gardena ha permesso al movimento di ritrovare una freccia troppo spesso condizionata nella sua ascesa da infortuni o altre situazioni. A 32 anni il ragazzone di Moncalieri sta finalmente trovando la sua dimensione togliendo un po’ di polvere ad un settore velocità aggrappato a Dominik Paris (oggi nono con Matteo Marsaglia 11mo) poiché Christof Innerhofer ormai fa affidamento sul suo lodevole spirito da highlander ma non va oltre la 30ma casellina. A secco Matteo Franzoso e Nicolò Molteni (44mo e 46mo), fuori Guglielmo Bosca.  

“A Wengen – spiega Casse – è fondamentale partire davanti. Stavolta finalmente ce l’ho fatta e sono soddisfatto della mia gara. Ho attaccato dall’inizio alla fine e non ho sbagliato, a differenza del superG di ieri, nell’ultimo tratto. Il podio in Gardena mi ha sbloccato, ma è fondamentale più che altro aver trovato feeling, continuità di sciata e solidità. Ho iniziato bene il 2023, ora cercherò di proseguire il trend”. 

Casse ha bissato il risultato ottenuto in discesa in Val Gardena (credits: Pentaphoto)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Sofia Goggia animus pugnandi è tornata sugli sci

Federico Errante |
18 Giugno 2024
“Quattro mesi dopo… È stata durissima e non sarà facile. Penso intimamente peró che sia già stratosferico aver messo gli sci per due giorni a...

Goggia e Moioli inseguono l’oro mondiale che manca

Federico Errante |
12 Giugno 2024
Una stagione mondiale. Saranno 14 le discipline della galassia Fisi che nell’annata 2024/2025 metteranno in palio i rispettivi titoli iridati...

Paola Magoni “l’altra” Rosa Camuna

Federica Sorrentino |
30 Maggio 2024
Il paese natio di Selvino aveva riservato a Paola Magoni una festa fantasmagorica per celebrare il quarantennale dell’oro olimpico nello slalo...