Miranchuk il jolly offensivo che non ti aspetti

Fabio Gennari |

La domanda, prestazioni e numeri alla mano, è molto semplice: in vista di Firenze, come si fa a rinunciare a questo Miranchuk? Il russo sta giocando una stagione clamorosa, i gol segnati sono 4 e gli assist 9 (oltre ad un rigore procurato che può essere considerato come l’assist numero 10) per un ragazzo che anche a Napoli ha tenuto un livello molto alto di prestazione e si è messo in luce in diverse occasioni. Il palo, un altro paio di occasioni importanti sia al tiro che al cross, una costante presenza nel cuore del gioco e i compagni che lo cercano con sempre maggiore continuità. Che sia con Scamacca o, come capitato altre volte, con De Ketelaere, il rendimento di Miranchuk supporta e spiega molto bene il perché Gasperini lo manda in campo con una continuità mai vista prima a Bergamo. E adesso che nelle rotazioni sembra poter entrare Lookman da titolare (a Firenze) ci si chiede se e come possa essere il numero 59 nerazzurro a fargli spazio oppure se si giocherà senza Scamacca. O con Miranchuk al posto di Pasalic, ma a quel punto starebbe fuori Koopmeiners, che è a sua volta in predicato di giocare dall’inizio dopo l’impiego part-time di Napoli. 
Si tratta di un punto di vista molto importante pensando alle prossime sfide, una situazione che si incastra molto bene nella rotazione costante e molto vicina al 50% dei calciatori di movimento e che permette al tecnico di proporre ogni volta una formazione diversa rispetto a quella precedente con valori tecnici molto significativi e con una freschezza atletica che in questa fase della stagione può diventare davvero determinante. Va detto che, più volte, si è visto come Miranchuk sia abilissimo ad entrare subito nel cuore del gioco anche da subentrante. Quindi pensarlo in panchina in avvio a Firenze non sarebbe completamente fuori da ogni logica. E comunque in campo ci andrebbe Lookman che è un altro elemento su cui si può fare davvero grande, grandissimo affidamento. 

Miranchuk nell’azione in cui ha colpito la base del palo all’inizio del match vinto con il Napoli (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Kolasinac il gladiatore è l’uomo in più di Gasp...

Fabrizio Carcano |
22 Giugno 2024
Il riposo del guerriero. Meritato. Rigenerante. Terapeutico. Sead Kolasinac, 31 anni compiuti giovedì 20 giugno, sta guardando gli Europei da spett...

Esordio europeo nel Friendly Match con l'AZ Alk...

Federica Sorrentino |
20 Giugno 2024
L’Atalanta ha scelto un esordio europeo con i fiocchi prima di giocare il match valido per la Supercoppa continentale con il Real Madrid alla vigil...

Al raduno del 10 luglio largo alla vecchia guardia

Fabrizio Carcano |
19 Giugno 2024
Largo alla vecchia guardia. Per le prime di settimane di lavoro a luglio, al centro sportivo di Zingonia, il tecnico nerazzurro Gian Piero Gasperin...