Padura Diaz un leader in rossoblù

Giulia Piazzalunga |

Maglia numero 2 di Agnelli Tipiesse. Williams Padura Diaz non lascia, raddoppia. Il 35enne martello italo-cubano rimane in rossoblù e lo fa mettendo subito in chiaro ruolo ed obiettivi. Carattere da trascinatore, uomo-faro per i giovani e pronto a mettere sempre la faccia. Professionista vero, autentico e sempre più al centro del progetto. Si dice molto contento di restare e motivato. “Essere al centro di un nuovo ciclo è motivo d’orgoglio perché la volontà, oltre a quella di dare tutto me stesso, è di aiutare gli altri ragazzi nel percorso ed essere un fulcro per il gruppo che sta prendendo forma”. Sicuro che il livello della nuova A2 sarà stellare: Come quello che ho vissuto con la maglia di Reggio Emilia al mio arrivo in Italia oltre dieci anni fa. Quando si potevano schierare due stranieri, per una regola che è stata ripristinata per la prossima stagione. Vantaggio da sfruttare sarà quello di non avere la pressione del risultato e di non essere la squadra da battere. Non si deve essere convinti d’essere i migliori, piuttosto dimostrarlo sul campo battendoci ad armi pari su tutti i campi e contro ogni avversario”. “Nell’arco di un’annata la flessione è fisiologica ed è quello il momento in cui si fa la differenza, con la mentalità. Perché i migliori sono quelli che riescono a mascherare la fase critica e a ripartire più convinti”. Padura Diaz ha parole di stima per il neorossoblù Copelli. “Un giocatore fantastico, emblema proprio della fame e dell’ambizione. Basta guardare il suo rendimento nell’ultimo biennio. Non per nulla il club ha deciso di cominciare la campagna acquisti da lui”. Igor Jovanovic? Un leone. “Me lo ricordo da avversario in Italia, sia a Bergamo che a Livorno. L’ho seguito tantissimo nell’ultimo torneo in Spagna che ha vinto con l’Almeria: è stato protagonista di un percorso meraviglioso che si è concluso con uno scudetto meritatissimo”. “L’Agnelli Tipiesse che sta nascendo mi ricorda molto l’esperienza a Civita Castellana. Con un paio di leader, con ruoli ben definiti. Si era creata una famiglia autentica, reale. Essere leader non vuol dire esserlo solo in palestra, ma anche fuori. Con comportamenti irreprensibili affinché i giovani vedano una guida anche nei momenti di difficoltà. Un esempio da seguire”.

Williams Padura Diaz sarà ancora punto di forza di Agnelli Tipiesse (credits: ufficio stampa Agnelli Tipiesse)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

VBG91 torna da Macerata con un punto

Michela Corvetto |
27 Novembre 2022
Volley Bergamo 1991 torna da Macerata con un punto, frutto di una sconfitta al tie-break conquistato dopo avere rimontato due set. Gara decisa al f...

Agnelli Tipiesse cade in casa dopo 20 mesi

Eugenio Sorrentino |
27 Novembre 2022
L’ultima sconfitta casalinga di Agnelli Tipiesse in Regular Season era datata 21 marzo 2021. Ne è arrivata una dopo venti mesi, sul filo di lana. E...

Agnelli Tipiesse cerca il rilancio con Santa Croce

Michele Ferruggia |
26 Novembre 2022
Dopo due ko consecutivi lontano da casa, Agnelli Tipiesse torna al Pala Intred (domenica 27 novembre alle 18) per affrontare Santa Croce, una delle...