Primi calci di Atalanta For Special

Federica Sorrentino |

Il 27 febbraio è stato un giorno davvero speciale per l’Atalanta. In quella data, la squadra nerazzurra è diventata ancora più grande. Si può dire che da quel giorno i tifosi atalantini hanno una squadra in più per la quale fare il tifo e alla quale dare il proprio sostegno: l’Atalanta For Special. La squadra Special nasce all’interno del progetto di Corporate Social Responsibility, CSR, e grazie alla collaborazione con la Società Nembrese 1913. Gli atleti, 21 giocatori, vestono la maglia nerazzurra grazie alla formula dell’adozione. Si allenano tutte le settimane al Campo Sportivo Saletti di Nembro.

Gianmarco Lesmo, allenatore di Atalanta For Special, ha dichiarato “E’ una squadra a tutti gli effetti e non c’è differenza – ha dichiarato Gianmarco Lesmo, allenatore di Atalanta For Special – Anzi, sono due squadre perché i ragazzi sono 21 e in più tutte le altre squadre che abbiamo nel settore giovanile. Fanno gli stessi allenamenti, utilizzano le stesse metodologie. Sull’abbigliamento, abbiamo la fortuna quest’anno di vestire una maglia prestigiosa, ma la continuità, l’impegno, la tecnica, è la stessa identica delle altre squadre. – continua – Penso che sia il valore, nel senso che non abbiamo creato una squadra per persone con disabilità che continuano a rimanere in un contesto isolato, ma abbiamo aperto le nostre squadre a dei ragazzi che alla pari giocano con loro”.

Insomma, i ragazzi di Atalanta For Special sono considerati un po’ figli di tutti e descritti come sempre sorridenti e con una grande capacità di percepire le piccole cose e le sensazioni di chi gli sta di fronte. L’Atalanta, da sempre contro ogni tipo di discriminazione, scende quindi in campo sia per sensibilizzare sui problemi legati alla disabilità, sia per garantire la dignità, i diritti e il benessere delle persone disabili. Gli staff educativi e tecnici di Atalanta e di Nembrese 1913 affiancheranno e accompagneranno il team della squadra Special nelle attività dentro e fuori dal campo. La nascita di Atalanta For Special non è una semplice esperienza di calcio, ma un percorso di vita per ragazzi con disabilità ed un’opportunità per disegnare il futuro.

“Veramente una grande soddisfazione avere questa adozione di Atalanta For Special e questa affiliazione con la Nembrese. – ha detto Lucia Castelli, pedagogista settore giovanile – Siamo riusciti e ci abbiamo lavorato grazie a un sacco di persone di buona volontà e la cosa più bella è vedere l’entusiasmo di questi ragazzi nel vestire la maglia dell’Atalanta”.

Riguardo i progetti, Lucia Castelli ha parlato di allenamenti a Nembro, fatti sul campo della Nembrese, di una gara con un’altra For Special, visite al Centro Sportivo Bortolotti di Zingonia e inviti allo stadio.

L’obiettivo di Atalanta For Special è condividere valori fondamentali quali l’inclusione e la valorizzazione delle diversità, valori in cui Atalanta crede fortemente.

21 giocatori speciali vestono la maglia nerazzurra grazie alla formula dell’adozione (credits: atalanta.it)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

La Dea in Champions prima di volare a Dublino

Eugenio Sorrentino |
18 Maggio 2024
L’Atalanta incassa i tre punti auspicati allo stadio di Via del Mare e si assicura la qualificazione alla prossima Champions League. Per la vittori...

A Lecce caccia ai tre punti per la Champions

Eugenio Sorrentino |
17 Maggio 2024
Atalanta a Lecce con 21 giocatori per tentare di portare a casa i tre punti che permetterebbero di festeggiare la qualificazione aritmetica alla pr...

De Roon si ferma ma sarà un motivatore in più p...

Federica Sorrentino |
17 Maggio 2024
L’infortunio occorso a Marten De Roon al 20’ del secondo tempo della finale di Coppa Italia con la Juventus lo esclude di fatto dall’altra, attesa ...