Pugilato e disabilità le linee guida in un libro

Redazione |

La Commissione medico-scientifica Studi e Ricerche della Federazione pugilistica italiana del CONI ha presentato a San Pellegrino Terme il primo libro al mondo dedicato allo sport per disabili ed in particolare alla boxe, “Pugilato e disabilità, linee guida e metodologia”. “La disabilità nell’ambito della boxe era un tema mai affrontato prima d’ora – spiega Mario Ireneo Sturla, presidente della Commissione – Ora, grazie a questo libro, sarà possibile migliorare il reinserimento nella società di queste persone, anche attraverso appunto il pugilato”. “Questa commissione ha un valore importante – spiega Lucio Ricciardi, fisiologo di fama internazionale -: con medici di provenienza differente che permette una grande libertà di pensiero. I risultati si stanno già vedendo con questo importantissimo libro”.

“Anche quest’anno abbiamo avuto a San Pellegrino Terme alcuni dei massimi esponenti italiani della medicina sportiva – spiega il dottor Giampietro Salvi, neurologo dell’Istituto Clinico Quarenghi e membro della Commissione – È la terza volta che ci troviamo e dopo tre anni di lavoro siamo riusciti a presentare il libro sulla disabilità nello sport. Il primo e unico testo al mondo che permetterà di classificare le persone affette da disabilità al fine di indirizzarle allo sport a loro più idoneo. Per quanto riguarda la boxe sarà senza contatto e per le persone disabili sarà molto utile come terapia motoria e cognitiva per il reinserimento sociale”. A testimoniare l’effettiva utilità dello sport Marco Guido Salvi, Vicepresidente Nazionale dell’Associazione Italiana Parkinsoniani e Coordinatore della sezione di Bergamo, che ha portato a San Pellegrino il suo libro “Non Chiamatemi Morbo”, la storia di quindici parkinsoniani che sono riusciti a trovare un modo per convivere con la malattia, utilizzando anche lo sport.

L’occasione è stata propizia per analizzare il rapporto fra sport e disabilità nelle sue svariate forme, che vede la sua massima espressione nelle Paralimpiadi, come sottolinea Italo Guido Ricagni, medico sportivo FPI: “Lo sport per disabili è nato a Roma con le prime Paralimpiadi, dove l’Italia conquistò 80 medaglie, ma con 21 nazioni partecipanti e 400 atleti partecipanti. Ora siamo arrivati ad oltre 4.000 atleti e 163 nazioni, con una maggior attenzione mediatica. Il movimento paralimpico è cresciuto moltissimo. E in aumento ci sono anche le discipline, come il rugby in carrozzina e ora questo libro per la boxe”. Un bel primo passo, quindi, per vedere, magari in futuro, la boxe alle Paralimpiadi (le prossime si svolgeranno a Parigi dal 28 agosto all’8 settembre 2024).

Ruolo chiave per uno sport sano lo ricopre anche l’alimentazione, tema su cui la Commissione sta lavorando, come evidenzia il dottor Antonio Bonetti: “Tra le varie iniziative su cui stiamo lavorando come Commissione anche la nutrizione in ambito sportivo e, nella fattispecie, di quella dei pugili”. Il dottor Francesco Rondoni, che dirige il Centro Nazionale Pugilato ad Assisi, ha sottolineato l’importante crescita del movimento pugilistico italiano “soprattutto quello femminile. Alle Olimpiadi avremo più atleti rispetto al passato, ad esempio, per la prima volta ci saranno 6 categorie di peso per le donne, mai successo. E proprio le donne ci stanno dando e ci daranno grandi soddisfazioni”.

La copertina del libro presentato a San Pellegrino Terme (credits: Marco Locatelli)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

L’emozione di assistere al trionfo di Liverpool

Fabio Gennari |
12 Aprile 2024
Unbelievable, incredibile. Quando Mario Pasalic ha segnato il gol dello 0-3, ho abbracciato Giacomino (Maier, veterano dei giornalisti sportivi, nd...

TIME|OUT sport festival a tu per tu con i campioni

Giulia Piazzalunga |
8 Aprile 2024
Dieci giorni con una serie di campioni dello sport che hanno lasciato il segno nelle rispettive discipline, rivelandosi esempi di vita. Atleti che ...

Matteo Berrettini, The Hammer sta tornando

Redazione |
6 Aprile 2024
Federico II Gonzaga, Duca di Mantova e Marchese del Monferrato, aveva scelto il ramarro come simbolo di resilienza. A suo tempo, si pensava che que...