Ragionare di cicli

Eugenio Sorrentino |

La rassegna stampa sportiva, nella settimana che ha preceduto il confronto tra Atalanta e Juventus, è stata dominata dalle tesi secondo cui il ciclo di Gasperini stesse volgendo al termine. Si può sbagliare partita (lo stesso allenatore, nell’ultima occasione in cui ha parlato, non si è tirato indietro ammettendo di avere lavorato sul 4-2-3-1 per affrontare il Cagliari), così come gli episodi possono girare contro. E il match di Coppa Italia con la Fiorentina ne è la riprova. Due ingenuità nella propria area di rigore che hanno regalato altrettanti penalties e vanificato le buone cose fatte in attacco, nonostante assenze importanti. Nella partita con i viola, finita amaramente con l’eliminazione, l’Atalanta ha ritrovato il suo numero dieci, autore di un gol alla vecchia maniera, di gran classe come conviene ai calciatori dai piedi buoni, e saggiato l’intesa nel reparto offensivo con e senza l’attaccante di ruolo. Sarebbe il caso che si lasciassero da parte i titoloni, come pure le dichiarazioni roboanti che in verità sono circoscritte massimamente al verbo televisivo nazionale, cercando di capire invece quale fosse l’evoluzione tecnico-tattica in corso. Ebbene, la riprova è arrivata nella partita con i bianconeri, messi in affanno quando è uscito Muriel, bravo per due terzi di gara a lavorare ai fianchi. La svolta camaleontica ha fatto sì che Malinovskyi potesse liberare il suo sinistro dirompente accompagnato dal Gps e poi servire una succulenta palla a Hateboer che avrebbe potuto chiudere il discorso sulla gara. Tutto ciò in un assetto che ha visto De Roon proporsi in avanti e nel contempo rientrare e coprire, Freuler e Koopmeiners macinare chilometri e scrivere geometrie insieme al sempre ispirato Boga. E con i difensori che hanno chiuso gli spazi al tridente juventino. Competizione tra i pali? Sportiello ha dimostrato di essere affidabile e un serio professionista, Rossi uno che sa stare in panchina, Musso ha la griffe del numero uno. Un consiglio? Godetevi il calcio dell’Atalanta. Quanto ai risultati che scaturiscono e alle vittorie mancate, qualche domanda cominciano a farsela anche quelli che il calcio lo vedono e commentano da ogni angolazione. E’ diventato davvero difficile capire le regole, soprattutto quando lasciare alle libera interpretazione di chi dovrebbe decidere. Forse la combinazione arbitro-Var, all’inizio serena e in sintonia, comincia a vacillare.

Gian Piero Gasperini ha sempre centrato il traguardo europeo da quando guida l’Atalanta (Ph: A. Mariani)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Il mito di Pantani a vent’anni dalla scomparsa

Eugenio Sorrentino |
14 Febbraio 2024
Il 14 febbraio del 2004, nel giorno di San Valentino, Marco Pantani cessava di vivere in un residence sul lungomare di Rimini. Una fine tragica, ch...

L’ultimo tuono di Gigi Riva

Eugenio Sorrentino |
22 Gennaio 2024
“Rombo di tuono” – soprannome coniato da Gianni Brera per Gigi Riva – ha lasciato questo mondo, si è congedato dalla sua Sardegna dove ...

ATP Challenger di Bergamo vetrina del tennis fe...

Eugenio Sorrentino |
5 Gennaio 2024
I tornei Challenger del circuito ATP hanno permesso ai migliori talenti di scalare le classifiche e diventare grandi tennisti. I successi ottenuti ...