Re Federer lascia, viva il re

Eugenio Sorrentino |

“Chiedi chi erano i Beatles” cantavano gli Stadio quando Roger Federer aveva poco più di tre anni. Verrà un giorno in cui gli amanti del tennis non avranno bisogno di chiedere chi fosse Federer, semplicemente perché avranno attinto dalla storia delle sue leggendarie partite. Alla vigilia del congedo alla Laver Cup, il passo d’addio al circuito ATP dello svizzero, il quale ha avuto il merito di sciorinare valori tecnici ineguagliabili e trasmetterne di livello etico sportivo di peso certamente non inferiore, non lascia rammarico alcuno. Semplicemente perché ha scritto pagine memorabili, senza distinzione tra una superficie e l’altra, meritando l’ammirazione e il rispetto degli avversari. Ha ricevuto mille attributi positivi, ma il lascito di Roger Federer è tutto racchiuso nel messaggio in cui ha annunciato il suo ritiro. Ennesimo esempio di classe e stile.

“Ho 41 anni, ho giocato più di 1500 partite in 24 anni e il tennis mi ha trattato più generosamente di quanto avrei mai immaginato. E ora devo riconoscere che è il momento di chiudere la mia carriera agonistica. Di tutti i regali che mi ha fatto il tennis, il più grande è stato l’amore della gente e le persone che ho avuto la fortuna di conoscere lungo tutta la strada. Vorrei anche ringraziare i miei avversari in campo. Sono stato abbastanza fortunato per giocare così tante partite epiche che non lo dimenticherò mai. Ci siamo spinti a vicenda a migliorare e insieme abbiamo portato il tennis a nuovi livelli. Soprattutto devo rivolgere un ringraziamento speciale ai miei incredibili fan. Non saprete mai quanta forza e convinzione mi avete dato. Ho avuto l’immensa fortuna di giocare davanti a voi su oltre 40 Paesi diversi. Ho riso e pianto, provato gioia e dolore, ma soprattutto mi sono sentito incredibilmente vivo. Attraverso i miei viaggi, ho incontrato molte persone meravigliose che rimarranno amici per tutta la vita, che hanno costantemente preso del tempo dai loro impegni per venire a tifare per me in tutto il mondo. Voglio ringraziarvi tutti dal profondo del mio cuore. Infine, un grazie al gioco del tennis: ti amo e non ti lascerò mai”.

Un frame del video con cui Roger Federer ha annunciato il suo ritiro (dal profilo Instagram)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Grande Torino la leggenda degli Invincibili

Eugenio Sorrentino |
4 Maggio 2024
Dal 1949 il 4 maggio per la città di Torino non è mai più stato un giorno come gli altri. La squadra di calcio granata capitanata da Valentino Mazz...

Benvenuti a Bergamo la città dell’Atalanta

Eugenio Sorrentino |
19 Aprile 2024
Sono trascorsi 36 anni dalla serata di Atalanta-Malines, datata 20 aprile 1988, che ebbi l’onore di vivere e commentare immaginando che un giorno q...

Il mito di Pantani a vent’anni dalla scomparsa

Eugenio Sorrentino |
14 Febbraio 2024
Il 14 febbraio del 2004, nel giorno di San Valentino, Marco Pantani cessava di vivere in un residence sul lungomare di Rimini. Una fine tragica, ch...