RN Orobica ribalta Ancona e va alla bella per la A1

Luciano Locatelli |

Vittoria e riscatto della pallanuoto femminile Isocell Rari Nantes Orobica che, dopo il brutto KO patito tra le mura amiche, s’impone in trasferta a Senigallia contro la Vela Nuoto Ancona per 9-10. Una vittoria che consente alla formazione bergamasca di provare a compiere l’impresa a Romano di Lombardia, domenica 2 giugno, dove si giocherà la bella per la promozione in serie A1.

La partita non era iniziata bene, con Ancona che sulle ali dell’entusiasmo della vittoria di domenica scorsa, dopo aver subito la rete del vantaggio orobico con Zanoccoli al 2’, ha infilato tre reti di fila riportandosi avanti al termine della prima frazione per 3-1. Nel secondo quarto, però, la squadra di coach Palazzo ha ingranato la quinta ed ha messo una seria ipoteca sul risultato finale. Segna in apertura l’australiana Steere (3-2), dopo la rete del 4-2 delle padrone di casa è Trezzi che segna una doppietta portando l’orobica in parità 4-4. La gara si fa combattuta con le due squadre che rispondono colpo su colpo, al 5’ (5-4), al 7’ (6-5) e finale scoppiettante dell’Orobica con Zanoccoli sugli scudi che segna una doppietta e porta avanti la squadra bergamasca 6-7.

Dopo l’intervallo le padrone di casa pareggiano l’incontro con Monterubbianesi (7-7), per poi portarsi di nuovo avanti 8-7. Coach Palazzo chiama time-out e frena l’inerzia della gara che stava volgendo a favore di Ancona. Il gioco riprende con la rete di Zanoccoli che pareggia per l’Orobica (8 pari). Finale combattuto con botta e risposta e rete finale di Paleni che fissa il parziale della terza frazione sul 9-9. Ultimo e decisivo quarto di gara che volge a favore dell’Orobica, che riesce a sbloccare il risultato con la rete del vantaggio di Apilongo al 5’ che chiude anche l’incontro (9-10) e rilancia le ambizioni delle bergamasche.

Molto contento l’allenatore orobico Antonino Palazzo, il quale ha così commentato la partita: “In pochi avrebbero scommesso sulla nostra vittoria, ma oggi siamo stati una squadra solida compatta e determinata a riscattare la sconfitta di domenica scorsa. Un ringraziamento particolare ai nostri dirigenti che hanno organizzato la trasferta perfetta e un grande bravo alle ragazze che si sono meritate questa nuova chance. Anche se sono stati fatti degli sbagli al tiro stavolta abbiamo difeso forte costringendo l’Ancona a rischiare il tutto per tutto e sbilanciarsi alle nostre ripartenze e movimenti. Ora arriva la parte più difficile, non dobbiamo pensare che giocando in casa sia già fatta. Ancona è una signora squadra ma comunque bisogna entrare senza paura e avere quella famosa” Cazzimma” come si dice a Napoli”.

Domenica 2 giugno ultimo atto della sfida finale tra orobica ed Ancona che decreterà chi dovrà salire in serie A1 il prossimo anno.

VELA NUOTO ANCONA-ISOCELL RN OROBICA  9-10 (3-1, 3-6, 3-2, 0-1)

Ancona: Andreoni, Cosolani, Campitelli, Monterubbianesi 2, Manini, Kiss, Bartocci, Olivieri 3, Dametto 1, Bersacchia 1, Altamura, Quattrini 2, Malatesta. All. M. Pace.

Orobica: Giai, Apilongo 1, Ferrari 1, Caiola, Zanoccoli 4, Trezzi 2, Ghezzi, Albani 1, Franchini, Paleni, Gavazzeni, Steere 1, Motta. All. A. Palazzo.

Arbitro: Fusco-Capobianco

Il gruppo squadra della Isocell Rari Nantes Orobica sul lungomare di Ancona (Ph: Oscar Corna)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Pattinatori di scuola Icelab alle sei tappe ISU...

Redazione |
12 Giugno 2024
L’International Skating Union ha reso note le liste di partecipazione alle sei tappe dell’ISU Grand Prix della stagione 2024-25 di pattinaggio di f...

Aerobica Evolution protagonista agli Assoluti

Giulia Piazzalunga |
4 Giugno 2024
L’eccellenza della Ginnastica Aerobica italiana si è ritrovata il primo weekend di giugno al PalaLovato di Gorle per il Campionato Italiano Assolut...

RN Orobica sfuma il sogno promozione in A1

Luciano Locatelli |
2 Giugno 2024
Sfuma all’ultimo il sogno promozione in serie A1 per la Isocell Rari Nantes Orobica che in gara 3, nella piscina amica di Romano di Lombardia, perd...