Roberto Rigali d’argento con la 4×100 azzurra

Giulia Piazzalunga |

Fantastica impresa della staffetta 4×100 ai Mondiali di Budapest. Gli azzurri conquistano una meravigliosa medaglia d’argento con Roberto Rigali, Marcell Jacobs, Lorenzo Patta e Filippo Tortu in 37.62, dietro soltanto agli Stati Uniti che vincono in 37.38 ma davanti alla Giamaica, bronzo con 37.76. A quarant’anni dall’argento di Helsinki ’83 con Tilli, Simionato, Pavoni e Mennea, l’Italia è di nuovo sul secondo gradino del podio iridato realizzando il secondo crono di sempre a livello nazionale, a dodici centesimi dal 37.50 dell’oro olimpico di Tokyo e meglio del 37.65 di ieri in batteria. Straordinarie le frecce azzurre, con una strepitosa prestazione corale nell’esecuzione di cambi, mentre finisce quarta la Gran Bretagna (37.80) e quinto il Giappone (37.83). Per la squadra italiana è la medaglia numero 4 in questa edizione, come non accadeva dal 2001. Ed è straordinaria la favola di Roberto Rigali, portacolori di Bergamo Stars e studente dell’Università di Bergamo. Inserito nella staffetta, ha corso la prima frazione accanto a mostri sacri della velocità dimostrando di valere la fiducia in lui riposta, al culmine di una stagione straordinaria, fatta di progressi e allori. 

C’è da parlare anche di Alessia Pavese, ultima frazionista della 4×100 femminile, che ha ottenuto il miglior piazzamento di sempre in chiave azzurra con il quarto posto in 42.49. Zaynab Dosso, Dalia Kaddari, Anna Bongiorni e Alessia Pavese hanno fatto sognare e ottenuto il secondo tempo di sempre. Nel complesso, un risultato di squadra senza precedenti nelle staffette: per la prima volta l’Italia qualifica 4×100 uomini e donne, 4×400 uomini e donne alla finale iridata. Lo storico poker arriva grazie alla doppietta anche nella 4×400 metri: entrambe avanti e di nuovo con un record italiano al femminile. Il quartetto con Alice Mangione, Ayomide Folorunso, Alessandra Bonora e Giancarla Trevisan corre in 3:23.86 migliorando di oltre un secondo dopo sette anni il primato di 3:25.16 stabilito alle Olimpiadi di Rio (3:25.16 con Chigbolu, Spacca, Folorunso e Grenot). 

Roberto Rigali accanto a Marcell Jacobs, Lorenzo Patta e Filippo Tortu (Ph: Colombo/Fidal)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Elisa Valensin stampa il secondo crono allieve ...

Giulia Piazzalunga |
14 Maggio 2024
Non si arresta la crescita di Elisa Valensin, la 17enne milanese portacolori di Atletica Bergamo 1959 Oriocenter, che ha fatto segnare un nuovo cro...

La marcia femminile viaggia sull'asse Bergamo-B...

Redazione |
11 Maggio 2024
Risultati di assoluto rilievo nella prima giornata dei Campionati Regionali di Società Assoluti a livello femminile organizzati dall’Atletica Berga...

Agli Assoluti Lombardia in luce Ndiaye nei 100 ...

Redazione |
11 Maggio 2024
Il Campionato Regionale di Società Assoluto maschile, organizzato a Nembro dall’Atletica Saletti, ha riservato molte buone indicazioni per gli atle...