Rugby Bergamo 1950 si ferma a Lecco

Giulia Piazzalunga |

Se l’Italrugby nella giornata di sabato è riuscita a regalarci una vittoria spettacolare dopo sette anni di sconfitte, lo stesso non è riuscita a fare la Rugby Bergamo 1950, che nella partita di domenica contro la ASD Rugby Lecco non porta a casa la quinta vittoria consecutiva.

Sul campo Al Bione vista lago, il Bergamo parte subito guadagnando tre punti, ma la risposta del Lecco non tarda ad arrivare: nei primi cinque minuti il punteggio è giá di 3-3. Gli orobici riescono a rispondere con un’altra punizione, ma i padroni di casa ingranano la marcia e, appena si affacciano sui 22 degli ospiti, segnano e trasformano la prima meta della partita.
Un’altra punizione a testa e il primo tempo si chiude 13-9.

Dopo la pausa la fisicità del 15 lecchese si fa sentire: se nella prima parte della partita il Bergamo è riuscito a difendersi, nel secondo tempo a nulla è servito giocare prevalentemente nella metà campo avversaria. Il Lecco parte subito con una meta, cui ne seguono altre 3 (due trasformate), che riesce a strappare in alcune azioni molto combattute. La Rugby Bergamo tenta comunque un’offensiva, provando a fare meta negli ultimi minuti prima del fischio finale, invano.

La partita finisce 42-9.

«Un Bergamo senza testa esce strapazzato dal Bione di Lecco» commenta Michele Festa, coach orobico. «Ci aspettavamo una partita difficile, ma non a senso unico come è stata. Nel primo tempo ci ha tenuto a galla solo il piede di Orlandi, e in seguito ci siamo ritrovati a giocare solo in difesa. In attacco infatti i possessi sono stati sterili, con la touche che non ha prodotto palloni e la mischia che ha sofferto parecchio. I pochi palloni a disposizione non erano di qualità e la poca lucidità ci ha portato al continuo errore».

Dichiarazione cui fa eco il commento del capitano Davide Orlandi: «Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile, ma in campo è stata davvero dura: siamo andati sempre calando invece che reagire. Ora occhi fissi sulla prossima partita, contro il Franciacorta, guardando gli errori di questa».

(Photo Credits: Roberto Facchetti)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Team Moto d’Acqua Italia buoni piazzamenti a Olbia

Marta Nozza Bielli |
21 Settembre 2022
Il team bergamasco Moto d’Acqua Italia protagonista nella tappa del campionato mondiale a Olbia, dove si sono svolti anche gli Italiani giova...

Arcene Tamburello scudetto più vicino

Luciano Locatelli |
18 Settembre 2022
Doppio 6-2 e l’Arcene Tamburello vola in testa alla classifica di serie A. Superato anche il Ceresara in trasferta in una partita vinta abbastanza ...

Lorenzo Gritti tre podi ai tricolori sci d'erba

Federica Sorrentino |
18 Settembre 2022
Primo, secondo e terzo. Oro, argento e bronzo per congedarsi da vero capitano da un’altra stagione maiuscola. Lorenzo Gritti ribadisce anche agli A...