Suarez l’architetto ora dribbla le stelle

Eugenio Sorrentino |

Un altro straordinario campione del calcio sopraffino, protagonista della grande Inter di Helenio Herrera, è andato avanti. Luis “Luisito” Suarez, soprannominato “l’architetto”, si è spento all’età di 88 anni. Era arrivato alla corte nerazzurra nel 1961, già da affermato numero 10 nel campionato spagnolo e dopo avere messo nella sua bacheca personale il Pallone d’oro 1960. Con l’Inter ha conquistato tre scudetti (1962-1963, 1964-1965 e 1965-1966), due Coppe dei Campioni (1963-1964 e 1964-1965) e due Coppe Intercontinentali. Helenio Herrera lo aveva voluto dopo averlo allenato a Barcellona. Ha lasciato il calcio giocato nel 1973 indossando la maglia della Sampdoria. Da tecnico non è riuscito a regalarsi uguali soddisfazioni come con il pallone tra i piedi. Suarez ha portato al successo europeo l’U21 spagnola che nel 1986 superò ai rigori l’Italia di Azeglio Vicini. Era subentrato due volte sulla panchina dell’Inter, nel 1975 e nel 1992, nella seconda parte del campionato non riuscendo a raggiungere la qualificazione alle coppe europee. Entrato nei quadri dirigenziali dell’Inter, in occasione della presidenza di Massimo Moratti, si ritrovò a sedere una terza volta sulla panchina nerazzurra nel periodo di transizione tra l’esonerato Ottavio Bianchi e il subentrante Roy Hodgson.

Helenia Herrera definiva Suarez una miscela delle qualità attribuiti ad altri grandi campioni, da Corso a Sivori ad Altafini. Un talento autentico e inimitabile, classe e signorilità.

Con i soldi ricevuti dall’Inter per il suo trasferimento a Milano, il Barcellona completò i lavori di ristrutturazione del Camp Nou. Lassù, nei cieli blu, lo hanno preceduto Giacinto Facchetti, Armando Picchi, Mario Corso e Giuliano Sarti. Con loro, il calcio in bianco e nero resterà bellissimo per sempre.

Luisito Suarez, pallone d’oro 1960, ha vissuto il meglio della sua straordinaria carriera nelle file dell’Inter vincendo tutto (credits: fcinter1908.it)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

i nostri articoli

Il mito di Pantani a vent’anni dalla scomparsa

Eugenio Sorrentino |
14 Febbraio 2024
Il 14 febbraio del 2004, nel giorno di San Valentino, Marco Pantani cessava di vivere in un residence sul lungomare di Rimini. Una fine tragica, ch...

L’ultimo tuono di Gigi Riva

Eugenio Sorrentino |
22 Gennaio 2024
“Rombo di tuono” – soprannome coniato da Gianni Brera per Gigi Riva – ha lasciato questo mondo, si è congedato dalla sua Sardegna dove ...

ATP Challenger di Bergamo vetrina del tennis fe...

Eugenio Sorrentino |
5 Gennaio 2024
I tornei Challenger del circuito ATP hanno permesso ai migliori talenti di scalare le classifiche e diventare grandi tennisti. I successi ottenuti ...